Tag: Rugby league

Rugby League World Cup: intervista tripla con Arena, Occhialini e Rojatto

La Coppa del Mondo di rugby league procede in maniera serrata per gli Azzurri che, dopo la vittoria nel primo turno contr la Scozia RL (4 – 28), hanno un’importante occasione per provare il passaggio ai quarti: superare le fortissime Fiji. Coach Leo Epifania sta preparando la gara in maniera dettagliata e precisa, dando ampio spazio allo studio degli avversari e al recupero dei giocatori dopo la gara contro i Braveharts scozesi. Da dove ripartire, quindi? La difesa è stata sicuramente una delle armi vincenti dell’Italia RL, ma anche l’estro e la determinazione offensiva hanno fatto tanto.

Nel gruppo Azzurro, come già detto, ci sono molti atleti di orgini italiane, ma nati e cresciuti in Australia e un gruppo importante di giocatori domestici che si stanno ritagliando spazi importanti; da una parte, infatti, ci sono i “francesi” nel senso di giocatori che militano in Francia, Gioele Celerino e Simone Boscolo, mentre dall’altra ci sono due giocatori dei Lignano Sharks e uno di origine siciliane, ma ad un passo dalla compagine friulana. Stiamo parlando di Ippolito Occhialini, Alex Rojatto e Giordano Arena.

Facciamo, intanto, il punto sulla loro formazione: Arena arriva da un’esperienza nel 2019 con l’Italia RL U19 all’Europeo giocato in Serbia dove si è distinto per atleticità e fisicità, ha poi giocato a Catania in ambito league e ora per motivi di studio al nord ha firmato con il Viadana, squadra del massimo campionato italiano di rugby union. Ippolito Occhialini, invece, è stato leader dell’Italia RL che nel 2019 ha sfidato la Germania RL a Lignano Sabbiadoro, così come uno dei giocatori dei Lignano Sharks che hanno preso parte alla Balkan League sfidando Dorcol Belgrado XIII e Stella Rossa XIII; Alex Rojatto, invece, è entrato nel roosters degli Sharks, pur non riuscendo ancora ad esordire, e si è distinto negli ultimi anni durante i raduno nazionali organizzati dalla Federazione Italiana Rugby League fino a convincere gli addetti ai lavori a convocarlo alla RLWC 2021.

Li abbiamo intervistati a Liverpool per capire come stanno vivendo l’avventura alla Coppa del Mondo.

Esperienza Mondiale: come la stai vivendo?

Arena: È tutto straordinario, dall’organizzazione alle sessioni d’allenamento. È un onore è in occasione di crescita essere qua.

Occhialini: È un’emozione continua. Dagli allenamenti quotidiani con giocatori di alto livello alle riunioni tecniche per preparare nei minimi dettagli le partite, il tutto condito da una grande amicizia che sin da subito ha legato tutta la squadra.

Rojatto: Un’esperienza unica nel suo genere, provare a vivere tre settimane da professionista non ha prezzo. Abbiamo la possibilità di allenarci, confrontarci e farci seguire da giocatori di alto livello, non l’avrei mai potuto fare in altre occasioni nella mia vita quindi ne sono molto grato. Si cerca di imparare il più possibile.

Rugby League in Italia. Difficile ma possibile, come vedi l’inizio di un torneo sul territorio?

Arena: ancora è poco noto, ma si sta lavorando bene sul territorio, potrebbe essere lo sport sorpresa dei prossimi anni.

Ochialini: Abbiamo estremo bisogno di giocare a league in Italia, un gioco che appassiona chiunque lo giochi e non c’è momento migliore di far conoscere questo sport agli amanti della palla ovale se non nel periodo post mondiale, sfruttando il più possibile la visibilità che il rugby a 13 sta avendo grazie alla coppa del mondo.

Rojatto: Sicuramente per grandi prestazioni ad alto livello ci vuole una base dove i ragazzi si posso allenare adeguatamente e dove posso farsi vedere. Sarà difficile perché nel nostro paese l’union va per la maggiore ma non impossibile dato la grande capacità delle persone che ci stanno lavorando di integrare più gente possibile.

Italia vs Fiji: un pronostico.

Arena: Il gruppo è l’allenatore vogliono un solo risultato, la vittoria anche se non bisogna scordarsi che andremo a giocare contro i 6 del renking.

Occhialini: Sarà una partita difficile data la fisicità della compagine avversaria. Per vincere la partita l’allenatore Leo Epifania ha parlato chiaramente: la partita si vince in difesa respingendo le cariche dei fijiani dopo ogni play the ball.

Rojatto: Partita difficile, la squadra avversaria dispone di una grande fisicità che la farà valere dal primo minuto. Dobbiamo essere bravi a realizzare fin da subito più punti possibili e poi concentrarsi molto nell’aspetto difensivo.

Come stai vivendo il tempo extra campo in Inghilterra?

Arena: Il soggiorno è grandioso, dalle attività sociali con la squadra al vero e proprio tempo libero che passiamo tutto assieme, non mi aspettavo un gruppo così unito

Occhialini: Qui a Liverpool di certo non ci si annoia. Abbiamo l’enorme fortuna di avere l’hotel nel pieno centro della città e tutte le mete più suggestive sono facilmente raggiungibili con una breve camminata. Fuori dal campo e dalla palestra ci viene data la possibilità di partecipare ad eventi sociali organizzati dalla RLWC. Gli incontri con i bambini delle scuole primarie di Liverpool, il giardino sociale al “New Community Hospital” sono momenti di crescita personale che non scorderò.

Rojatto: Siamo molto fortunati ad avere l’Hotel in pieno centro, quindi in tutti i momenti liberi una passeggiata tra le vie di Liverpool è quasi obbligatoria, tra qualche The caldo e qualche passeggiata al porto di sicuro non ci si annoia. In struttura poi c’è una bellissima area di svago dove possiamo passarci del tempo socializzando e integrandoci anche con i ragazzi australiani.

Sogno nel cassetto?

Arena: Prepararsi e vivere da protagonista il prossimo mondiale!

Occhialini: Oltre al sogno che sto vivendo ora ce n’è un altro, quello di alzare il mio livello di gioco. Ho ottimi compagni di squadra dai quali imparare.

Rojatto: Dopo aver vissuto questa esperienza, avendo altri 3 anni per preparasi al meglio sotto ogni punto di vista, sicuramente vivere la prossima RLWC magari non da protagonista ma sicuro dando il meglio sul campo da gioco.

Italia RL, ecco la formazione per la sfida alle Fiji

Per l’Italia del Rugby League inizia uno dei week end più importanti della propria storia: sabato alle 14.30 al Kingston Park di Newcastle gli Azzurri sfidano le Fiji RL, in una gara che mette in palio il passaggio del girone. I ragazzi di coach Leo Epifania arrivano a questa gara dopo la bella vittoria contro la Scozia RL (4 – 28) nel primo turno di questa Rugby League World Cup 2021. Nel gruppo italiano c’è la consapevolezza di andare a sfidare una squadra moltonforte e fisica, ma allo stesso tempo c’è la voglia di giocare a viso aperto tutta la partita.

Orazio d’Arro’, presidente della Federazione Italiana Rugby League: “Siamo ben consapevoli che sarà una gara molto difficile. Tuttavia il gruppo ha lavorato bene e si giocherà la gara per tutti e 80 i minuti di gioco effettivo. Sono molto fiducioso”.

Paolo Iollo, vicepresidente FIRL: “Ho visto un gruppo unito e determinato. Sarà una battaglia, questo è certo, ma i ragazzi hanno tutte le carte per poter giocare una grande partita”.

FIJI v. ITALIA Round 2
Kingston Park – Sabato 22 ottobre, 14:30 PM

Fiji

13. T. KAMIKAMICA, 24. V. KARAWALEVU, 12. V. KIKAU, 9. A. KOROISAU, 16. L. MANUEL-LIOLEVAVE, 18. N. MASIMA, 6. S. MOCEIDREKE, 4. K. NAIQAMA,
10. B. NAKUBUWAI, 11. T. SADRUGU, 3. K. SIMS, 2. M. SIVO, 14. P. TAGITUIMUA, 1. S. TURUVA, 19. S. VALEMEI, 5. M. VULIKIJAPANI,
17. K. VUNIYAYAWA, 7. B. WAKEHAM, 22. J. WONG

Italia

3. D. ATKINSON, 13. N. BROWN, 6. J. CAMPAGNOLO, 20. J. COLOVATTI, 19. L. HODGE, 10. A. IARIA, 11. R. KING, 2. R. LEPORI, 5. J. MAIZEN, 15. L. MORETTI, 4. E. NATOLI, 17. R. PALUMBO, 9. D. PARATA, 18. K. PICKERING, 1. L. POLSELLI, 7. R. ROBINSON, 12. B. SANTI, 8. A. SUSINO, 14. J. TRAMONTANA

Italia RL, ecco la formazione per la sfida alle Fiji RL

Per l’Italia del Rugby League inizia uno dei week end più importanti della propria storia: sabato alle 14.30 al Kingston Park di Newcastle gli Azzurri sfidano le Fiji RL, in una gara che mette in palio il passaggio del girone. I ragazzi di coach Leo Epifania arrivano a questa gara dopo la bella vittoria contro la Scozia RL (4 – 28) nel primo turno di questa Rugby League World Cup 2021. Nel gruppo italiano c’è la consapevolezza di andare a sfidare una squadra moltonforte e fisica, ma allo stesso tempo c’è la voglia di giocare a viso aperto tutta la partita.

Orazio d’Arro’, presidente della Federazione Italiana Rugby League: “Siamo ben consapevoli che sarà una gara molto difficile. Tuttavia il gruppo ha lavorato bene e si giocherà la gara per tutti e 80 i minuti di gioco effettivo. Sono molto fiducioso”.

Paolo Iollo, vicepresidente FIRL: “Ho visto un gruppo unito e determinato. Sarà una battaglia, questo è certo, ma i ragazzi hanno tutte le carte per poter giocare una grande partita”.

FIJI v. ITALIA Round 2
Kingston Park – Sabato 22 ottobre, 14:30 PM

Fiji

  1. T. KAMIKAMICA, 24. V. KARAWALEVU, 12. V. KIKAU, 9. A. KOROISAU, 16. L. MANUEL-LIOLEVAVE, 18. N. MASIMA, 6. S. MOCEIDREKE, 4. K. NAIQAMA,
  2. B. NAKUBUWAI, 11. T. SADRUGU, 3. K. SIMS, 2. M. SIVO, 14. P. TAGITUIMUA, 1. S. TURUVA, 19. S. VALEMEI, 5. M. VULIKIJAPANI,
  3. K. VUNIYAYAWA, 7. B. WAKEHAM, 22. J. WONG

Italia

  1. D. ATKINSON, 13. N. BROWN, 6. J. CAMPAGNOLO, 20. J. COLOVATTI, 19. L. HODGE, 10. A. IARIA, 11. R. KING, 2. R. LEPORI, 5. J. MAIZEN, 15. L. MORETTI, 4. E. NATOLI, 17. R. PALUMBO, 9. D. PARATA, 18. K. PICKERING, 1. L. POLSELLI, 7. R. ROBINSON, 12. B. SANTI, 8. A. SUSINO, 14. J. TRAMONTANA

Italia RL: dopo la vittoria contro la Scozia, gli Azzurri preparano la sfida alle Fiji

La vittoria di domenica a Newcastle, Scozia RL superata 28 – 4, ha lasciato strascichi più che positivi nel gruppo azzurro. Alcuni giocatori stanno recuperando per alcuni impatti di gioco subiti, la normalità, mentre il gruppo si allena con grande serietà ed entisiasmo, con un unico obiettivo in testa: lela partita contro le Fiji RL. La gara di sabato, infatti, sarà molto importante per i ragazzi di coach Leo Epifania che si troveranno davanti una squadra esperta e molto fisica. Detto questo gli atleti italiani scenderanno in campo per vincere. Una vittoria, infatti, vorrebbe dire ottavi di finale, un risultato storico per il Rugby League italiano e allo stesso tempo permetterebbe agli azzurri di qualificarsi direttamene per il Mondiale di League del 2025 che si giocherà in Francia.

Orazio D’Arro’: “Prepariamo una partita alla volta, ma contro le Fiji sarà una gara diversa. Il gruppo sta lavorando alla grande, sotto la guida di un allenatore che sta vestendo il Mondiale e la squadra in maniera impeccabile. Ho grande fiducia in tutti e mi aspetto una gara tatttica, ma giocata con la stessa voglia della sfida alla Scozia”.

Di seguito gli highlights di Italia RL vs Scozia RL: 

L’Italia del League chiude positivamente la prima giornata di allenamenti alla Rugby League World Cup

L’Italia League chiude in maniera Positiva la prima giornata di allenamenti in terra inglese: a St Helen, infatti, gli Azzurri hanno svolto la prima sessione di allenamento; i ragazzi di coach Leo Epifania non si sono tirati indietro e tanto la parte atletica, quanto quella Tecnica è stata svolta su ritmi alti. Quello che si è visto è stato un gruppo volenteroso, molto determinato e che sta creando quell’amalgama che spesso nelle partite può fare la differenza in maniera determinante. Gli Azzurri, domani, riprenderanno la preparazione alla prima gara di questa Coppa del Mondo: l’obiettivo è quello di arrivare domenica a Newcastle per sfidare la Scozia nella miglior condizione possibile e dimostrare sul campo tutto il valore di questo gruppo, tanto giovane, quanto determinato a provare a stupire.

Leo Epifania, head coach dell’Italia League: “Vedo un gruppo affiatato ed equilibrato. Oggi si sono allenati molto bene. Stiamo provando tattiche si gioco e movimenti, in questo contesto tutti si sono dimostrati disponibili al lavoro e molto determinati. La settimana è lunga e, un giorno alla volta, ci prepareremo per affrontare la Scozia a viso aperto”.

Orazio D’Arro’, presidente della Federazione Italiana Di Rugby League: “Partecipare ad un Mondiale è sempre un’esperienza indimenticabile. E questo per noi manager, figuriamoci per i giocatori. Questo gruppo mi piace. È giovane, sfrontato, umile e ha importanti qualità. Affrontiamo questa settimana di avvicinamento alla gara con la Scozia con grande determinazione. Sarà una partita dura? Sicuramente! Ma la squadra c’è e affronterà la gara nel miglior modo possibile, ne sono certo”.

Giordano Arena: “Respirare l’aria del Mondiale è senza ombra di dubbio incredibile. Per me rappresenta un punto di partenza. Voglio imparare tutto il possibile e mettermi a disposizione del gruppo e degli allenatori. Primo approccio è stato più che positivo. Ora la testa deve andare alla sfida contro la Scozia. Un giorno alla volta e arriveremo a Newcastle con la giusta determinazione e voglia di imporci”.

Rugby League World Cup (RLWC): coach Leo Epifania annuncia i 25 atleti convocati per la Coppa del Mondo

La manifestazione Iridata si giocherà in Inghilterra dal 15 ottobre al 19 novembre 

L’head coach dell’Italia League, Leo Epifania, ha scelto la squadra che prenderà parte alla prossima Coppa del Mondo di Rugby a XIII. Gli azzurri del league, infatti, dai primi di ottobre prepareranno a Liverpool (Inghilterra) le gare del primo girone: l’Italia League se la vedrà domenica 16 ottobre a Newcastle contro la Scozia, replichera’ poi sabato 22 contro le Fiji e chiuderà il girone a St Helen sfidando i campioni del Mondo in carica dell’Australia. Nel gruppo azzurro molti giocatori sono nati in Australia da genitori italiani e tutti sono molto orgogliosi di poter vestire l’azzurro ad una manifestazione così importante come il Mondiale. Se, quindi, da una parte ci sono atleti avvezzi al rugby a XIII dall’altra la FIRL – Federazione Italiana Rugby League, dopo tanto lavoro sul territorio, è riuscita a formare ben cinque atleti inseriti in rosa Mondiale, mentre altrettanti giocatori raggiungeranno la squadra per fare esperienza così da riportarla poi nel tessuto del rugby league italiano; primo tra tutti c’è il piemontese Gioele Celerino, prodotto italiano e uno dei giocatori più rappresentativi del movimento Azzzuro, per lui si tratta infatti del terzo Mondiale. Poi da segnalare il siciliano Giordano Arena, atleta veloce e con il vizio della meta, senza dimenticare i friulani Ippolito Occhialini ed Alex Rojatto, entrambi atleti dei Lignano Sharks. Chiude il Veneto Simone Boscolo. 

Orazio d’Arro’, presidente FIRL: “Partecipare ad un Mondiale è sempre un’avventura tutta da scrivere. Noi ci partecipiamo con grande determinazione e voglia di dire la nostra. La squadra è un bel mix di atleti esperti e nuove leve che arricchiranno il panorama ovale del rugby league italiano”. 

Leo Epifania, head coach dell’Italia League: “Una campagna Mondiale è sempre una grande esperienza. Penso che la squadra sia equilibrata e con dei talenti che potranno sicuramente essere un valore aggiunto. Giochiamo in in girone difficile ma sono certo che riuscirei a dire la nostra”.

Gioele Celerino: “Sono orgoglioso di poter indossare l’azzurro e spero di poter scrivere un’altra pagina della storia dell’Italia League. Sarà dura, questo è certo, ma viviamo una partita alla volta e le soddisfazioni arriveranno”. 

L’Italia League per il Mondiale in Inghilterra: 
Daniel Atkinson – Sunshine Coast Falcons
Nathan Brown – Parramatta Eels
Joseph Tromantana – Blacktown Workers Sea Eagles
Cooper Johns – Melbourne Storm
Ryan King –  Whitehaven
Jake Maizen – Sunshine Coast Falcons  
Luca Moretti – Parramatta Eels
Luke Polselli – Sunshine Coast Falcons 
Jack Campagnolo – South Sydney
Alec Susino – Penrith Panthers
Luke Hodge – Blacktown Workers Sea Eagles
Kyle Pickering – Cornulla Sharks
Jack Colovatti – Parramatta Eels
Ethan Natoli – Newtown Jets
Rinaldo Palumbo – London Broncos
Nicholas Tilburg – Wentworthville
Gieole Celerino – Racing Saint Gaudens
Simone Boscolo – RC Salon XIII
Giordano Arena – Catania Bulls 
Ippolito Occhialini – Lignano Sharks 
Alex Rojatto – Lignano Sharks 
Dean Parata – London Broncos
Brendan Santi – Keighley Cougars
Anton Iaria – Barrow Raiders
Richard Lepori – Swinton Lions

Lo Staff Tecnico 
Leo Epifania – capo allenatore 
Tony Grimaldi –  Strength & Conditioning Coach
Terry Campese – assistente allenatore 
Tim Sheens – direttore tecnico 
Bortolo Baitieri – Team Manager

L’Italia League U19 chiude l’Europeo all’ultimo posto

Una squadra giovanissima guarda al futuro con grande positività. Trivillin inserito nel “tredici” dell’Europeo

L’Italia League U19 chiude l’Europeo all’ultimo posto: nell’ultima giornata, infatti, i ragazzi di coach Riccardo Dodi perdono contro l’Irlanda League (30 – 0) e, poi, si arrendono anche alla Serbia (14 – 4). Risultato a parte che comunque deve essere posto come punto da cui ripartite, gli Azzurri sono stati in grado di diventare una squadra, una partita alla volta. Hanno dimostrato sul campo skills e attitudine . Cos’è mancato? L’esperienza di gioco nel Rugby League e la fisicità. L’Italia League era la squadra con più under 18 dell’intero torneo. Detto questo, il gruppo c’è e ora ai deve costruire attorno a questi atleti il futuro della Federazione Italiana di Rugby League. Tra le note positive l’inserimento di Filippo Trivillin nei “13 del Torneo”: è il miglior numero 9, tallonatore; si tratta di un importante riconoscimento per l’atleta italiano che per tutto il torneo si è dimostratonun vero trascinatore. Segnale che il lavoro svolto, seppur in poco tempo, ha dato i suoi frutti.

Filippo Bertossi, capitano dell’Italia League U19: “Un’esperienza indimenticabile! Se, poi, consideriamo che l’ho vissuta da capitano, vale sicuramente ancora di più. I miei compagni sono stati fantastici. Abbiamo cercato di affrontare tutto e tutti con il massimo dell’impegno e della determinazione. Sono certo che con un po’ dinesperienza in più le cose sarebbero andate in maniera diversa. C’è tempo, tuttavia, per sistemare questa cosa e puntare a fare risultati. Siamo ad un punto di partenza e, noi tutti, vogliamo portare in alto i colori dell’Italia del League”.

Filippo Trivillin: “La nomina tra i migliori giocatori del torneo non me l’aspettavo proprio. È per me un onore averla ricevuta. Ora penso già al futuro e gi allenamenti da fare per puntare ancora più in alto come squadra. Il gruppo c’è e con maggior esperienza potrà dire la sua. Ne sono certo”.

Riccardo Dodi, allenatore dell’Italia League U19: “Risultati a parte, che tuttavia analizzero’ nello specifico, ho visto un gruppo diventare squadra. E questo mi inorgolisce. Ora dobbiamo continuare a lavorare perché serve al movimento questa gioventù da cui ripartire. Cosa ci è mancato? L’esperienza. Guardo al futuro con grande positività”.

Cesare Zambelli, team manager Italia League U19: “Sono stati 11 giorni intensi, ma vedere i ragazzi diventare una squadra è stato appagante. Certo, i risultati non sono arrivati. O, per meglio dire, questa squadra avrebbe meritato qualcosa di più. Tuttavia il divario fisico ha giocato a nostro sfavore, anche se il cuore che hanno messo i ragazzi è stato tanto. Ora sotto con allenamenti, raduni, partite perché con uno sviluppo all’interno delle dinamiche del league questi giocatori potranno proprio dire la propria”.

Rugby League: un pareggio e una sconfitta nella seconda giornata del torneo per gli Azzurri U19

La seconda giornata dell’Europeo League U19, che si sta giocando a Pasian di Prato (UD), ha visto gli Azzurri perdere nettamente contro la fisica Irlanda League (30 – 0) e pareggiare contro la Serbia League (10 – 10) in una delle gare più belle ed intense dell’intero torneo, a detta di tutti gli addetti ai lavori. I ragazzi di coach Riccardo Dodi hanno messo sul campo cuore, organizzazione e voglia di mettersi in gioco e questi sono tutti aspetti che hanno permesso agli Azzurri di diventare, gara dopo gara, sempre più una vera e propria squadra. Tra i migliori in campo, sicuramente, capitan Filippo Bertossi, così come Filippo Trivillin e Roul Coss. Man of the match, invece, Nicolò Mazzotta. Tutti hanno dimostrato talento, tenacia e determinazione contro ogni avversaro. Ad ogni modo tutta la squadra è da elogiare perché il gruppo ha sopperito in maniera impeccabile alle mancanze fisiche. 

Riccardo Dodi, head coach dell’Italia League U19: “Ho visto una squadra e per questo sono orgoglioso di tutti i ragazzi. Stiamo costruendo un gruppo e tutti stanno rispondendo alla grande. Ora abbiamo un paio di giorni per costruire al meglio l’ultima giornata di questo Europeo”. 

L’Italia gioca per le posizioni dalla quinta alla settima. 

Italia League U19 

1 De Meyer Carlo
2 Ferroni
3 Zuliani 
4 Mazzotta 
5 Saita
6 De Meyer CK 
7 Bertossi CAP
8 Coss 
9 Trivillin
10 Almasio
11 Binutti VCAP
12 Carrabetta
13 Caffù
14 Brullo
15 Cantore
16 Corallo
17 La Rocca
18 Stracquadanio

Allenatore: Riccardo Dodi 

LE FOTO SONO DI ROBERTO COMUZZO

Irlanda e Serbia le avversarie dell’Italia League nel secondo turno dell’Europeo U19 

L’Italia League si appresta a vivere la seconda giornata del Campionato Europeo U19: i ragazzi di coach Riccardo Dodi, infatti, sfideranno Serbia e Irlanda, in sfide da 40 minuti ciascuna, per creare un ranking che sabato prossimi definirà le posizioni dalla quinta alla settima posizione. Si giochera a Pasian di Prato e la prima gara del torneo iniziera’ alle 14.00. Gli Azzurri si sono allenati bene in questi due giorni, hanno cercato di recuperare nel miglior modo possibile – grazie all’attenzione della staff medico e atletico – e arrivano a queste due gare sicuramente più consapevoli. Attacco specifico e difesa attorno al “play the ball” sono stati i due aspetti che hanno visto coach Dodi allenare in maniera diretta e organizzata.

Riccardo Dodi, head cocah dell’Italia League U19: “Ho visto I ragazzi molto concentrati. Abbiamo lavorato sodo e bene; per questo devo ringraziare il mio staff, presente e sempre disponibile. Sono fiducioso e convinto in questo gruppo. Siamo all’inizio del nostro percorso di crescita, ma i margini di miglioramento sono molto grandi”. 

Paolo Iollo, vice presidente Federazione Italiana Rugby League: “Siamo orgogliosi del lavoro svolto dai ragazzi. Tutti hanno preso consapevolezza una partita alla volta, ma soprattutto si sono dimostrati squadra, non mollando mai. E questo è un aspetto che ci fa ben sperare guardando al futuro”. 

Cesare Zambelli, team manager Italia League U19: “Mi è piaciuto lo spirito dimostrato da tutti I ragazzi. Non possiamo far altro che migliorare e sono certo che dimostreremo sul campo tutto il nostro valore”. 

Le partite dell’Italia League U19 

18.00 Italia League U19 – Irlanda League 

19.00 Italia League U19 – Serbia League 

Diretta streaming su Delinquenza Ovale, canale Youtube, Facebook

Europeo di Rugby League: la giovane Italia XIII soffre, ma cresce una gara alla volta

Pasian di Prato. Gli Azzurri del Rugby League soffrono, ma una gara alla volta trovano il proprio equilibrio: dopo la prima giornata dell’Europeo di categoria il campo dice 5 sconfitte e una vittoria, netta e importante contro la Serbia nell’ultima gara di giornata; risultati a parte, tuttavia, i ragazzi di coach Riccardo Dodi hanno dimostrato sul campo temperamento, voglia di mettersi in gioco e di crescere nel mondo del league. Se, infatti, tutte le altre realtà masticano Rugby a XIII quotidianamente, l’Italia vive di rugby union e pratica il league per passione e solo parallelamente ed è proprio questo aspetto a fare la differenza. Gli Azzurrini, infatti, hanno qualità, ma mancano solo di esperienza. Sul campo non hanno mai mollato, hanno affrontato a viso aperto corazzate come Francia, Galles ed Inghilterra, lottato contro la rivelazione Ucraina, sfidato l’Irlanda e superato con una prestazione impeccabile la Serbia. 

“Questo gruppo ha dei margini di miglioramento davvero molto grandi – commenta Riccardo Dodi, head coach dell’Italia League U19 – ho visto i ragazzi soffrire, ma non mollare mai. Ci siamo costruiti una partita alla volta e questo è un aspetto che mi ha davvero inorgoglito. La partita finale, per noi, è stata importante. Dimostrare, dopo un giorno di gare, di saper vincere contro una Serbia molto fisica è stato importante. Ora però è tempo di guardare al futuro e continuare a lavorare sodo per portare a termine nel miglior modo possibile questo Europeo. Ho fiducia in questo gruppo, molta”. 

I risultati dell’Italia U19 League: 

Italia League – Francia League 0 – 22
Italia League – Ucraina League 6 – 16 
Italia League – Galles League 0 – 24 
Italia League – Irlanda League 4 – 30 
Italia League – Inghilterra League 4 – 18 
Italia League – Serbia League 18 – 10 

Il format di questa prima giornata vedeva tutte le squadre sfidarsi in gare da 20 minuti ciascuna.