Categoria: Comunicato Stampa

L’Italia del league annuncia lo staff tecnico per la Coppa del Mondo

Tim Sheens, Terry Campese e Tony Grimaldi si uniranno all’Head Coach Leo epifania per la Coppa del Mondo.

Le nomine sono una spinta importante per l’Italia nel tentativo di centrare il passaggio ai quarti di finale della RLWC 2021.

Leo ha avuto uno stretto rapporto di lavoro con Tim Sheens, che risale a molti anni fa. Un certo numero di giovani giocatori costituirà la squadra finale e il tutoraggio di Tim sarà incommensurabile.

Anche Terry Campese e Tony Grimaldi sono molto apprezzati e forniranno preziose conoscenze ed esperienze al gruppo.

Tas Baitieri, comunemente indicato come “Mr International Rugby League”, è stato nominato Team Manager italiano della RLWC.

Tim Sheens – Direttore Coaching e Strategia – Italia RLWC

Attualmente ai Wests Tigers, ex allenatore vincitore della premiership NRL ai Canberra Raiders e ai Wests Tigers e capo allenatore degli Australian Kangaroos

Terry Campese – Assistente allenatore – Italia RLWC

Attuale allenatore del Queanbeyan Blues e Country Representative Coach, ex giocatore del club NRL Canberra Raiders e del club della Super League Hull Kingston Rovers, nazionale italiano

Tony Grimaldi – Allenatore di forza e condizionamento – Italia RLWC

Attuale allenatore di forza e condizionamento ai Cronulla Sharks ed ex giocatore del club NRL Canterbury Bulldogs e dei club della Super League Gateshead Thunder e Hull FC

Tas Baitieri – Team Manager – Italia RLWC

Ex giocatore di Penrith Panthers e Canterbury Bankstown, ex allenatore della nazionale francese ed ex ufficiale dello sviluppo internazionale della Rugby League e ufficiale dello sviluppo della NRL

L’Italia League Femminile inizia l’avventura Europea

Scelta la rosa di atlete che sabato a Pasian di Prato (UD) alle 18.00 sfideranno l’Irlanda

L’avventura europea dell’Italia League Femminile inizia sabato: le ragazze italiane, infatti, sfideranno l’Irlanda a Pasian di Prato (UD) nel primo turno dell’Europeo 2022. Il progetto Femminile è da sempre al centro dei piani della FIRL – Federazione Italiana Rugby League e, dopo la pausa forzata a causa del covid, in questo 2022 la guida tecnica azzurra, formata dal trio Suin, Pezzano, Dell’Era, è riuscita a costruire un percorso di allenamenti che ha permesso di ricostruire il gruppo, ricompattarlo e rinnovarlo con alcune giovani rugbiste di talento. Il gran lavoro dei tecnici federali, poi, ha permesso di lavorare congiuntamente con tutto il panorama rugbistico nazionale, riuscendo a coinvolgere ragazze in maniera otttimale: dalla Sicilia, fino al Piemonte.

“Siamo ben consapevoli dell’importanza del match contro l’Irlanda, ma per noi è fondamentale riprendere a costruire il progetto femminile – commenta Alberto Suin, head coach dell’Italia XIII Femminile – abbiamo un buon gruppo di ragazze e, soprattutto, c’è molto entusiasmo. Da qui vogliamo riprendere a costruire un lungo corso di rugby league femminile, nazionale ed internazionale”.

“Per noi questo 2022 è importantissimo – sottoliena Orazio d’Arro’, presidente della FIRL – vogliamo lavorare a 360° per valorizzare tutto il movimento dal campionato italiano, passando per la Coppa del Mondo Maschile, l’Europeo U19, tutto il mondo del league Femminile e giovanile. Siamo consapevoli che che sarà un’annata impegnativa, ma siamo pronti. Per le ragazze del League abbiamo grandi aspettative, ma allo stesso tempo vgiamo aiutarle a crescere senza pressioni. Siamo fiduciosi!”.

L’Italia League Femminile: Arzenton, Ascione, Bettolati, Biondolillo, Colangeli, Dall’Antonia, Forto, Gai, Giacomazzo, Gurrieri, Hassinen, Iozzia, Agosta, Menotti, Orofino, Pandolfo, Pinarello, Piva, Raisa, Ruggeri, Severgnini, Viglianisi.

La ripartenza del rugby league in Italia passa dal movimento femminile

Le Azzurre del XIII infatti saranno di scena sabato 11 giugno a Pasian di Prato (Udine) per la prima gara del Campionato Europeo Femminile: alle 18.00, infatti, l’Italia League sfiderà l’Irlanda al Polisportivo Comunale. Le italiane per prepararsi a questa nuova avventura di rugby league giocato si stanno allenando con continuità sotto gli occhi attenti del coach Alberto “Suez” Suin e del suo assistente Marco Dell’Era; il team manager designato è l’esperto Salvatore Pezzano, uomo di campo da sempre attivo nel rugby league nazionale. Numerosi gli stage, dove un gruppo già formatosi in passato si è ristrutturato con nuovi e giovani innesti, che hanno permesso alla guida tecnica di lavorare nello specifico di molte situazioni e di puntare allo sviluppo di un dettagliato ed organizzato piano di gioco.

“Il progetto rugby league Femminile era uno dei più importanti per il compianto Tiziano Franchini e noi come FIRL vogliamo portarlo avanti nel miglior modo possibile – commenta Paolo Iollo, vicepresidente della Federazione Italiana di Rugby League – le ragazze sono un patrimonio da aiutare a crescere nel mondo del XIII, per cui faremo tutto il possibile per supportarle e valorizzarle”.

“Dobbiamo ottimizzare il tempo per prepararci al meglio a questo importante eventi che è la gara contro l’Irlanda – commenta Alberto Suini – tutta la nostra attenzione è rivolta al gruppo squadra che deve arrivare preparato e consapevole al giorno della gara. Le ragazze sono entusiaste e hanno voglia di giocare. Da qui vogliamo partite per costruire un movimento di rugby a XIII di alto spessore”.

Successo per il primo raduno di rugby a XIII FIRL

Il 2022 della Federazuone Italiana di Rugby League si è aperto con un raduno dedicato al femminile, agli atleti seniores e a quelli U19. In quel di Fiorenzuola (Piacenza) sabato 23 aprile si è svolta un’intera giornata di allenamento e di sessioni d’aula che hanno permesso agli atleti convocati di riprendere affinità con il mondo del league e, allo stesso tempo, iniziare il percorso do formazione proposto dalla FIRL. Oltre 40 i giocatori che si sono allenati agli ordini del direttore tecnico federale, Elio Giacoma.

“Abbiamo svolto un’attività programmata e precisa – commenta Paolo Iollo, vicepresidente FIRL – si è trattato di un raduno che ha coinvolto atleti ed atlete provenienti da buona parte d’Italia e questo ha permesso agli allenatori di compiere valutazioni precise. Ora la Federazione sta già lavorando sodo per i prossimi appuntamenti che, a breve, saranno presentati. Abbiamo partite da giocare a breve e questo 2022 è già pieno d’appartamenti; dall’Europeo femminile, fino a quello U19 di settembre, senza dimenticare la Coppa del Mondo di ottobre e novembre in Inghilterra”.

Il movimento del Rugby League italiano riparte, nonostante tutto.

Sabato 26 marzo, le ragazze del XIII, si sono radunate a Formigine per il secondo stage di allenamento, propedeutico alla ripartenza del movimento e al monitoraggio di un gruppo di atlete in chiave futura. L’ultimo periodo del Rugby League italiano è stato drammatico: la morte del vicepresidente e anima del movimento nazionale, Tiziano Franchini, ha spiazzato tutti; alle stesso tempo, tuttavia, questo non ha fermato l’attività programmata e questo è stato il giusto riconoscimento al volere di Tiziano che, sul movimento del League, in particolare quello femminile, era da sempre estremamente coinvolto e avrebbe voluto fare attività senza sosta.

Al raduno c’è stata una buona affluenza da Veneto, Emilia Romagna, Lombardia e Lazio; la volontà dei tecnici federali, quindi, è quella di operare con sempre maggior costanza su tutto il territorio, questo per dare l’opportunità a tante ragazze di crescere nel league e provare a cimentarsi a livello nazionale ed internazionale.

“Sono e siamo devastati dalla morte di Tiziano Franchini – commenta Orazio D’Arro’, presidente della FIRL – personalmente ho perso un amico ed un fratello. Per lui, in ogni caso, vogliamo portare avanti il nostro progetto. Ora abbiamo un ulteriore motivo per non mollare. La nostra nazionale femminile rappresenta un patrimonio e noi come Federazione vogliamo aiutarla crescere, mettendola nella posizione di competere a livello internazionale. Ho piena fiducia nei nostri tecnici e mi piace pensare ad un futuro di successi, anche è soprattutto per Tiziano”.

Il Rugby League italiano riparte dal femminile

Il 13 marzo a Fiorenzuola d’Arda ci sarà un raduno nazionale

Il Rugby League Italiano riparte, dopo due anni di stop forzato per la pandemia, dalla sezione femminile. Il 13 marzo, infatti, a Fiorenzuola d’Arda, dalle 10.00 del mattino fino alle 17.00, si svolgerà un mini ritiro per le atlete d’interesse nazionale. Parallelamente, poi, i tecnici federali apriranno le porte dello stage anche a tutte quelle ragazze che vorranno mettersi alla prova e provare così una disciplina ovale diversa. “Ripartire e tornare a giocare a Rugby League è molto stimolante – commenta Orazio D’Arro’, presidente della Fedeazione Italiana Rugby League – il periodo lontano dai campi è stato difficile, ma abbiamo cercato di programmare al meglio la nostra ripartenza. La.nazionale femminile rappresenta per noi un qualcosa di importante e con questa ripartenza vogliamo cercare di strutturarla nel miglior modo possibile. L’apertura a tutte le atlete che vogliano provare io Leage ci serve per allargare la base e cercare di farci conoscere sempre con maggior partecipazione. Il futuro? Un passo alla volta e presenteremo tutte le novità per questo 2022 che si appresta ad essere sempre più interessante”.

L’Europeo U19 di Rugby a XIII rimandato al 2021

La Federazione Europea, congiuntamente alla FIRL – Federazione Italiana di Rugby Legue ha deciso di rinviare il campionato Europeo che si sarebbe dovuto svolgere a Lignano Sabbiadoro (Udine) a settembre 2020. La decisione è stata presa da tutti i membri del board, al fine di tutelare la salute dei giovani atleti. Il Covid-19, infatti, non permettte ancora programmazioni a lungo termine e la salvaguardia della condizione dei rugbisti è fondamentale. Appuntamento, quindi, sempre a Lignano Sabbiadoro, nel 2021 e più precisamente dal 2 al 12 settembre.

“Siamo in un momento di grande difficoltà per lo sport giocato. Tuttavia è da sempre una nostra priorità la salvaguardia della salute di tutti gli atleti che giocano a rugby a XIII. Così abbiamo fin da subito supportato il rinvio della Manifestazione lignanese – commenta Orazio D’Arrò, presidente della Federazione Italiana di Rugby League – è stata una scelta facile dal punto di vista ella tutela degli atleti, più impegantiva dal punto di vista organizzativo perchè ci eravamo già mossi per strutturare un prodotto il più serio e professionale possibile. Poco importa, in ogni caso, l’importajnte è uscire da questa situazione di “virus” e salvaguardare tutti i ragazzi che partecipano globalmente al mondo del rugby league e dello sport in generale”.

Per garantire agli atleti che avrebbero provato ad entrare nelle rispettive selezioni nazionali nel 2020 la possibilità di competere anche nel 2021, la Federazione Europea ha deciso di rendere l’Europeo un evento Under 20.

“Si tratta di una mossa intelligente e lungimirante da parte della Federazione Europea – convlude Orazio D’Arrò – in questo modo si concede di poter continuare a lavorare sui gurppi fino ad ora creati dalle varie Federazioni e si riconosce così anche il lavoro svolto dagli atleti in ottica di promozione e divulgazione del nostro sport. Sono sicuro che usciremo alla grande da questa situazione e che nel 2021 ci sarà tanto Rugby League con cui divertirsi”. 

Un importante cambiamento

Il titolo della presente comunicazione rende l’idea della portata del cambiamento che la Federazione Italiana Rugby League vuole impostare per questa stagione sportiva 2019/2020.

Questo cambio radicale sia a livello organizzativo, che di rugby league giocato, si basa su un progetto a medio/lungo termine che il consiglio direttivo federale vuole fermamente attuare nel prossimo quinquennio, per consolidare il rugby league in Italia.

Il progetto si chiama “più rugby league per tutti”, il quale ha come obiettivo di far giocare lo sport del rugby league, sia nella modalità di “full contact” (rugby a XIII), che nella modalità senza contatto (Oz-Tag), tutto l’anno e non solamente durante la stagione estiva. Un altro elemento caratterizzante del progetto della F.I.R.L. è quello di un cambio di mentalità da parte degli operatori e dei praticanti.

Passando all’imminente stagione sportiva, la F.I.R.L. vuole iniziare con l’attività internazionale già precedentemente confermata, ossia le Qualificazioni alla Rugby League World Cup 2021, che si terranno dal 2 al 9 novembre 2019 e vedrà la Nazionale Italiana confrontarsi contro la Nazionale Spagnola, a Lignano Sabbiadoro il 2 novembre 2019 e contro l’irlanda a Dublino il 9 novembre 2019, da rilevare che prima della partita contro il XIII del Toro, si terrà anche ITALIA A vs GERMANIA.

Dopo questa finestra internazionale la F.I.R.L. farà partire il campionato nazionale che si svilupperà da novembre 2019 a maggio 2020.  

Questo aspetto di attività prolungata, non vedrà coinvolto solo il settore seniores maschile, ma interesserà anche l’attività di rugby league femminile e la categoria under 19 con una programmazione  confermata sempre nello stesso periodo.

La stagione si concluderà, con l’ITALIAN RUGBY LEAGUE FESTIVAL che si terrà a Lignano Sabbiadoro, dal 3 al 14 settembre 2020, dove la F.I.R.L. ha confermato la seguente programmazione internazionale:

  European Rugby League Championship Under 19

  Emerging Nations Tournament

  Women Mediterranean Cup 

  International R.L. Nine’s Tournament

  International R.L. Nine’s Tournament for Clubs

  Oz-Tag Tournament

  Touch Rugby League Tournament

  Master Rugby League International Tournament 

Inoltre, durante la stagione verranno, effettuati interventi sulle scuole per promuovere la pratica del rugby league nella versione OZ-Tag, organizzando competizioni scolastiche ed altre manifestazioni per radicare nelle zone toccate dal progetto scuole la cultura e i valori del rugby league. 

L’Italia League è pronta per le qualificazioni Mondiali

La guida tecnica italiana ha scelto la squadra che preparerà le sfide contro Spagna e Irlanda 

Tutto è pronto per la rincorsa alla Coppa del Mondo 2021: l’Italia XIII, infatti, ha diramato la lista dei convocati per le qualificazioni Mondiali contro Spagna e Irlanda. Si giocherà il 2 novembre a Lignano Sabbiadoro (Udine) contro la Spagna e poi in trasferta a Dublino il 9 novembre, contro l’Irlanda. 

Tra gli Azzurri è stato selezionato anche l’esperto Mark Minichiello, che ha recentemente annunciato il suo ritiro dalle partite del club, dopo una carriera illustre. 

<<Siamo orgogliosi di poter iniziare questa nuova rincorsa alla Coppa del Mondo – commenta Orazio D’arrò, presidente della FIRL – Federazione Italiana Rugby League – stiamo lavorando sodo sul territorio per trovare le giuste sinergie e abbiamo costruito un campionato domestico che sta crescendo e da questo torneo abbiamo selezionato molti atleti>>. 

<< La FIRL ha lavorato instancabilmente post RLWC2017 pensando alle imminenti qualificazioni – commenta Leo Epifania, head coach dell’Italia League –  dobbiamo e abbiamo lavorato tanto, ora è il momento per costruire una squadra strutturata che affronti al meglio queste qualificazione. Sono molto fiducioso>>. 

Il Milano Mustang, compagine che gioca nella lega nazionale italiana, ha il maggior numero di rappresentanti, mentre è incluso anche Jack Johns – figlio di Matthew e nipote dell’immortale Andrew – che ha giocato ai Mondiali del 2017, così come Matthew Tedesco, fratello del vincitore del Dally M. James. Tra i giovani selezionati ci sono Joe Fella e Nico Rizzelli delle parti dell’accademia di Castleford e St Helens.

L’ITALIA XIII PER LE QUALIFICAZIONI MONDIALI 
Luis Lollo (Ambrosiana Tigers), Alec Susino (Barrow Raiders), Joey Tramontana, Rhys Sciilitano (Blacktown Workers), Nathan Milone (Cabramatta), Jarrett Subloo (Canberra Raiders), Mason Cerruto (Canterbury-Bankstown Bulldogs), Simone Boscolo, Michele Olocco, Alberto Berganton (Carina Tigers), Josef Fella (Castleford Tigers), Matthew Bonanno (Central Tigers), Matthew Tedesco (Coogee Dolphins), Ethan Natoli, Josh Natoli (Coogee-Randwick), Lachlan Scarpelli (Cronulla Sharks), Vince Ripepi (East Campbelltown), Samuel Dolores (Eastwood Rugby), Brock Pelligra (Glebe-Burwood), James Saltonstall (Halifax RLFC), Daniel De Vecchis (Hills District Bulls), Mark Minichiello (Hull FC), Giuseppe Pagani, Daniele Not, Mattia Non, Mauro Quarino, Lorenzo Marcuz, Juan Vila, Ippolito Occhialini, Tommaso Nicoli (Lignano Sharks), Rinaldo Palumbo (London Skolars), Cooper Johns (Melbourne Storm), Bandoni Ettore, Bienati Nicolò, Botti Davide, Pirotta Carlo, Signorelli Davide, Lorenzo Leandro, Morosi Fabio, Bert su Edoardo, Zappa Giorgio, Coppi Manuel, Mastromauro Davide, Santarelli Alessandro, Caldara Simone, (Milano Mustangs), Ryan King (Mounties), Joshua Carr, Luke Polselli (Newtown Jets), Luke Hodge (North Sydney Bears), Jack Campagnolo ( Northern Pride), Emanuele Passera (Cowboy di Parma), Alexander Myles (Penrith Panthers), John Trimboli (Penrith Panthers), Santino Battagliolo (Ryde Eastwood Hawks), Lorenzo Grosso, Samuele Audisio, Tallone Filippo, Radosta Gabriele, Gabriele Pattaro, Luca Moressa , (Saluzzo North West Roosters), Marc Zaurrini, Jack Frasca, Jack Johns (South Sydney Rabbitohs), Anton Ilaria (St Marys), Luca Moretti (Sydney Roosters), Richard Lepori (Swinton), Brenden Santi, Dean Parata (Toulouse Olympique ), Alberto Suin, Mattia Saoncella, Fabio Galetto, Guido Cicogna, Edoardo Paluello (Veneto Black Rabbits), Daniel Petralia, Nicholas Okladnikov (Wentworthville Magpies), Gus Garzaniti, Harrison O’Toole (Wests Magpies), Chris Centrone, Josh Mantellato ( Wyong Roos), Gioele Cele rino, Chris Vitalini (West Wales Raiders), Gianluca Azzali (XIII del Ducato), Nico Rizzelli (St. Helens), Shann Brugel (Villefranche XIII)
 

Spagna v Irlanda, 26 ottobre – 05:00
La Ciutat De L’esport, Ronda nord, s / n, 46800 Xàtiva
Xàtiva, Valencia,

Italia v Spagna, 2 nov – 4 pm
Stadio Communale G. Teghil
Lignano

Irlanda v Italia, 9 nov – 07:00
Stadio di Morton
Santry, Dublino

L’Italia League Femminile perde di misura contro la Turchia

Ad Istanbul le padrone di casa vincono 18 – 14. Per l’Italia mete di Iozzia, Menotti e Pinarello 
L’Italia League Femminile, nella sfida giocata ad Istanbul, è stata superata di misura dalle padrone di casa: 18 – 14 il risultato finale. Le Azzurre hanno giocato una gara determinata e, per lunghi tratti dell’incontro, hanno dimostrato di saper giocare e bene a rugby a XIII, la differenza, però, l’hanno fatta i calci piazzati. Entrambe le squadre, infatti, hanno segnato tre marcature, ma mentre la Turchia è stata in grado di trasformarle tutte, alcune anche molto defilate, mettendo in mostra una calciatrice molto precisa, l’Italia, con Valentina Virgili, è riuscita a trasformarne solo una. <<Intanto siamo molto contenti di aver ripreso a lavorare su questo gruppo di atlete – commenta Tiziano Franchini, allenatore dell’Italia Femminile League – perdere non piace a nessuno, ma questa squadra darà molte soddisfazioni ai colori dell’Italia. Contro la Turchia, in conclusione, ci è mancato solo un po’ di cinismo in alcune situazioni di gioco, lavorando sodo e giocando tanto, sono certo che limeremo anche questo aspetto. Onore alla Turchia, in ogni caso, che alla sua prima internazionale ha dimostrato di essere una nazione che punta sul League>>. 

Turchia Femminile XIII3 mete: Ecem Acikzog, Esen Gul, Mehtap Korku. Trasformazioni: Ecem Acikzog 3/3.
Italia Femminile XIII3 mete: Giorgia Iozzia, Alessandra Menotti, Virgina Pinarello. Trasformazioni: Valentina Virgili 1/3
Turchia Femminile XIII: Melike Sahan, Huyla Tasci, Gulusan Cakmak, Mehtap Korku, Nazlican Erdogan, Esen Gül  (Izmir Bati Gucu RLC), Elif Yilmaz, Zeynep Aydın, Nazife Taşkın, Ecem Acikgoz(Ankara Phrygians RLC), Bengu Ozgen, Safak Ozturk, Ece Tekin, Merve Fırtına, Ezgi Kilic, Elif Kutlu (Kadikoy Bulls RLC), Jiyan Avas, Derya Sanliturk, Berivan Dilmac (Eskisehir Aqua Warriors RLC)
Italia XIII: Colangeli, Sovran, Buzzan, Forto, Barro, Neri, Pinarello, Piva, Menotti, Raisa, Toldo, Virgili, Bertolatti, Gazzera, Guerreschi, Iozzia, Pandolfo. 
Arbitro: Vladan Kikanovic (Serbia)