SARA’ UN CAMPIONATO ANCORA PIU’ INTERESSANTE

Il capitano del tricampione XIII del Ducato, Fabio Berzieri, si aspetta una stagione più combattuta che mai: “quest’anno è molto importante perché a Ottobre l’Italia parteciperà ai mondiali e quindi tutti i giocatori faranno del loro meglio per mettersi in evidenza nel campionato domestico” spiega Hogan.

Fabio Berzieri, attuale pilone del Piacenza nella Serie A e capitano del tricampione italiano XIII del Ducato, ha giocato rugby union per oltre trenta stagioni e da quest’anno è anche il rappresentante dei giocatori della F.I.R.L.

Conosciuto con il sopranome di Hogan tra amici ed avversari, il prima linea di Piacenza è stato uno degli artefici del campionato italiano di rugby league insieme al Vice Presidente Tiziano Franchini, al Responsabile dello Sviluppo ed allenatore Kelly Rolleston ed al giocatore Giovanni Franchi.

Il capitano, che ha cominciato all’età di sei anni nel Fiorenzuola e dopo anche nel Noceto, dove ha giocato il suo primo campionato union in Serie A con solo 17 anni, vanta un’esperienza in Super 10 con il Gran Rugby Parma nel 2010 dove ha giocato anche l’Heineken Cup.

“Ho vissuto momenti bellissimi”, ricorda Hogan, “ma nel 2003 sono tornato a Piacenza, mi sono sposato e ho iniziato con altri impegni lavorativi. E’ stato un anno di cambiamenti”.

E grazie a quei cambiamenti hai scoperto la tua passione per il rugby league?

“Sì, dopo qualche anno il mio amico e allora Presidente Tiziano Franchini mi ha invitato a giocare una partita e da lì ho scoperto una nuova forma di rugby che non avevo mai provato, molto più veloce e fisica. Dopo qualche incontro insieme a Kelly Rolleston e Giovanni Franchi abbiamo dato il via ad un vero e proprio campionato di rugby league in Italia”.

E’ cambiata molto la realtà del campionato italiano da quando siete partiti?

“Beh,  noi col XIII del Ducato vorremmo festeggiare anche quest’anno ovviamente ma penso che adesso sarà molto più difficile visto che il campionato si è aperto a 10 squadre con realtà ben strutturate e giocatori giovani e validi. Inoltre si è riusciti anche ad ottenere una Nazionale che partecipa alla Shield Cup con ottimi risultati, quest’anno infatti ci aspettano tre match molto importanti in vista della Coppa del Mondo”.

Questa stagione sarà decisiva per i giocatori che si giocano un posto anche al mondiale, sarà quindi un campionato ancora più interessante?

“Penso proprio di si, le selezioni per la Nazionale vengono fatte su tutti i giocatori delle dieci squadre e durante lo State of Origin a fine campionato. Quest’anno è molto importante perché a Ottobre l’Italia parteciperà ai mondiale e quindi tutti i giocatori faranno del loro meglio per mettersi in evidenza nel campionato domestico e durante gli State of Origin. Personalmente spero di essere ancora il capitano dei XIII del Ducato per rivincere il campionato e farmi vedere come giocatore, sperando anche di avere una possibilità alla Coppa del Mondo”.

Come rappresentate dei giocatori che sei, cosa ti aspetti per quello che sta per cominciare?

“Da quando è partito tutto il movimento il livello è cresciuto molto per vari motivi, abbiamo allenatori molto preparati che lavorano con un gruppo di giocatori che si allarga anno dopo anno coinvolgendo anche giocatori di Serie A union. Infatti quest’anno i tesseramenti sono in continuo aumento. Tutto lo staff della Federazione Italiana sta lavorando molto bene e tutti con l’obbiettivo di avere un campionato italiano di alto livello. Quindi mi aspetto un bel campionato, una buona preparazione per la Coppa del Mondo, sperare in una convocazione e poi….FORZA ITALIA,  a sostenere l’Azzurra più che mai”.

 

The captain of three-times champion XIII of Ducato, Fabio Berzieri, expects a season harder than ever: “this year is very important because in October Italy will participate in the World Cup so all the players will want to do their best to make an impact in the domestic championship”, says Hogan.

Fabio Berzieri, who is currently playing prop in Serie A for Piacenza and is the captain of the Italian three-time champions XIII of Ducato, has played rugby union for over thirty seasons and has also been the FIRL player’s representative, since the start of the year.

Known to his friends and adversaries by his nickname Hogan, Berzieri is one of the architects of the Italian rugby league championship, along with Vice President Tiziano Franchini, Development Manager and coach Kelly Rolleston, and fellow player Giovanni Franchi.

The captain, who started playing football at the age of six in Fiorenzuola and also later in Noceto, where he played his first season in Serie A rugby union as a 17 year old, has also had experience in the Super 10 with Rugby Gran Parma in 2010 and the Heineken Cup.

“I had a wonderful time”, says Hogan, “but in 2003 I returned to Piacenza, got married and started working on other commitments. It has been a year of change”.

Through these changes did you discover your passion for rugby league?

“Yes,  a few years ago my friend Tiziano Franchini, who was the FIRL President at that time, invited me to play a game and from there I discovered this new form of rugby that I had never tried, much faster and more physical. After a few meetings with Kelly Rolleston and Giovanni Franchi we started a rugby league championship in Italy”.

Has the Italian Championship changed much since you started?

“We would like to celebrate a victory with XIII of Ducato again, of course, but this year I think that it will be much more difficult because the championship will now have 10 teams who are really well structured with young and valid players. Furthermore, we have also been able to be involved with the National team in the European Shield with some good results.  This year  we have three very important matches before the World Cup”.

This season will be crucial for players trying to be selected for the World Cup, will this make the championship more interesting?

“I think so, the selections for the National team will come from the players competing in the Domestic championship then the State of Origin at the end of the championship. This year is very important because in October Italy will participate in the World Cup and so all the players will do their best to make an impact in the domestic championship. Personally, I still hope to be the captain of XIII of Ducato and keep hold of the domestic championship, while hoping to have a chance at making the World Cup”.

As a representative of the players, what are your expectations for the season ahead?

“Since we started the movement has grown a lot, we have highly trained coaches who work with a group of players who are growing year after year, we also involving Serie A rugby union players. In fact this year our memberships are still rising. All the staff of the Italian Federation are working very well, and we all have the goal of having a high quality Italian championship. So I expect a good season and good preparation for the World Cup, while hoping for a call. Of course …. FORZA ITALIA, and we will support the Azzurri more than ever”.


Ufficio Stampa F.I.R.L. Analia Pavan +61 410 376 629 

FacebooktwitterFacebooktwitter

Start a Conversation