Tag: italia rugby XIII

CORSO ALLENATORI DI PRIMO LIVELLO RUGBY LEAGUE — Noceto 13-14 aprile 2018

La Federazione Italia di Rugby League organizza a Noceto un corso di 1° Livello per allenatori: il week – end del 13/14 aprile presso lo stadio Nando Capra ci sarà una due giorni di rugby a XIII. I tecnici saranno formatori certificati FIRL (Federazione Italiana Rugby League) e RLEF (Rugby League European Federation).

Orari del corso:

– 13 aprile, dalle 18.00 alle 21.30
– 14 aprile, dalle 9.00 alle 18.30

La formazione è fondamentale per la crescita di un movimento. Per raggiungere grandi obiettivi bisogna partire dal primo passo. Questo corso è il primo passo per formare allenatori e di conseguenza per insegnare il rugby league nella maniera corretta.

Programma:

Questo CORSO per ALLENATORI è dedicato a tutti coloro che desiderano diventare allenatori di Rugby League, partendo dalle conoscenze fondamentali dell’impostazione della seduta di allenamento, finalizzata all’insegnamento dei fondamentali individuali della disciplina, della tattica individuale e collettiva acquisendo le nozioni educativo-sportive tipiche dell’allenatore.

Metodi Didattici: Il corso alternerà formazione in campo ed in aula, ed avrà come obiettivo sia formare un allenatore, che saper impostare gli allenamenti di una squadra di rugby league.

Contenuti :

Attitudine e Ruolo dell’allenatore.
Metodologia dell’allenamento.
 L’allenatore e la squadra.
Insegnamento della tecnica individuale
 Organizzazione della squadra.
Fisiologia e fitness legati al rugby league.
 Esame pratico finale.

Verifica dell’apprendimento e sbocchi futuri :

Il superamento del Corso di Primo Livello FIRL | Rugby League European Federation, consentirà al candidato di intraprendere una strada formativa non solo a livello Italiano ma anche a livello europeo.

Per Maggiori informazioni:

📧 info@firl.it

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Doppia sfida internazionale per l’Italia League: la nazionale femminile e l’U19 sfidano la Francia

Sabato 24 febbraio a Tolone, presso lo Sporting Treiziste Toulon Métropole e il calcio d’inizio è previsto per le 14 con l’U19 e per le 15.30 con la Femminile

 

La FIRL – Federazione Italiana Rugby League riprende la sua attività internazionale e lo fa con una doppia sfida di grande prestigio: sabato 24 febbraio, infatti, saranno l’Italia League U19 e l’Italia League Femminile a scendere in campo a Tolone per sfidare la Francia.

Alle ore 14.00, presso lo  Sporting Treiziste Toulon Métropole saranno gli Azzurrini U19 ad aprire la giornata, mentre alle 15.30 sarà il momento dell’Italia League Femminile.

C’è grande attesa attorno a queste due gare perché gli Under 19 iniziano un percorso di formazione che li porterà allo spareggio per l’Europeo in Serbia, che giocheranno a Fogliano Redipuglia (Friuli-Venezia Giulia.) a maggio contro l’Ucraina, mentre le Azzurre dovranno dimostrare di essere cresciute dopo la bella vittoria della passata stagione contro il Libano.

Immagine concessa da Carlo Bertolotto

Dopo le recenti sfide nella Coppa del Mondo di Wheelchair e in vista di un possibile quarto di finale all’Europeo under 19 di Belgrado (agosto 2018), FFR XIII e FIRL proseguono nella collaborazione, costruendo sul campo una rispettosa rivalità.

«Sono grato al presidente della Federazione Francese di rugby a XIII per questa collaborazione – commenta Orazio D’Arro, presidente della FIRL – noi come federazione vogliamo investire sui giovani e sulle ragazze, perché sono due movimenti fondamentali per il Rugby League. Gli U19 rappresentano il futuro del XIII in Italia, mentre le ragazze hanno il carattere e la mentalità giusta per poter eccellere e noi vogliamo aiutarle a crescere a livello internazionale. Arriviamo da un Mondiale e dobbiamo costruire al meglio il nostro prossimo quadriennio Olimpico». 

«Questa partita sarà un test molto importante per il movimento e per lo sviluppo del rugby League femminile in Italia – aggiunge Tiziano Franchini, allenatore dell’Italia League Femminile – questo test ci permetterà di valutare il nostro reale livello contro una nazione che a livello femminile gioca da svariati anni. Si giocherà contro una nazionale forte, organizzata e con esperienza. Questo è il primo passo verso l’obiettivo che ci siamo posti, ossia quello di creare una Nazionale Femminile competitiva per i prossimi mondiali del 2021. Il prossimo passo è quello di organizzare per questa estate un campionato femminile che possa fornire alla Nazionale Azzurra di rugby a XIII sempre più valide giocatrici da coinvolgere in questo gruppo».


DOPPIO TEST INTERNAZIONALE
sabato 24 febbraio 2018

Ore 14 – Francia v Italia under 19
Ore 15:30 – Francia v Italia Femminile

Complexe Sportif Léo Lagrange, 157 Avenue René Cassin – 83100 Toulon


Di seguito i convocati:

Italia League Femminile

Giada Arzenton
Marika Ascione
Alessia Babini
Anna Barro
Maria Chiara Benini
Ludovica Buonaccorsi
Giulia Colangeli
Rosaluna Gavagna
Erica Neri
Virginia Pinarello
Cecilia Piva
Federica Renosto
Emanuela Stecca (comitato Nord Est)
Rosa Bettolatti
Lee De Meyer
Ottavia Piovano (comitato Nord Ovest)
Alessandra Palermo
Enrica Pandolfo
Martina Viglianisi (comitato Sud)

Allenatori: Tiziano Franchini, Matthew Sands

Italia League U19

Giordano Arena
Leonardo Baciocchi
Nicolò Barletta
Werther Bartolini
Antonio Cacopardo
Davide Calabria
Damiano D’Aleo
Stefano Dalmasso
Mario Di Sano
Nicholas Ferrero
Alfio Laudani
Emanuele Lucignano
Simone Leotta
Francesco Mendosa
Michelangelo Mistretta
Fabio Morosi
Luca Nicotra
Leonardo Raveggi
Giovanni Sciacca
Paolo Viani
Antonio Virzì

Allenatori: Salvatore Pezzano, Riccardo Dodi, Gabriele Oriani


 


Published 19/02/2018 by FIRL

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Rugby League: i XIII del Ducato si confermano campioni d’Italia

Lo Scudetto 2017 del Rugby League viene nuovamente vinto dal XIII di coach Rolleston

Ospitaletto (Brescia) – I XIII del Ducato si confermano Campioni d’Italia: il XIII allenato da coach Kelly Rolleston, infatti, supera a fatica i catanesi Spartans giocando una gara concreta e tatticamente impeccabile; 34 – 20 il risultato finale. La gara è intensa e giocata su ritmi molto alti, la prima frazione di gioco finisce in parità, con gli Spartans Catania che subiscono subito l’esperienza del XIII del Ducato, ma sono abili a ribaltare a proprio favore il risultato e far faticare non poco i ragazzi di coach Rolleston che solo nel finale riescono a pareggiare. Il secondo tempo, poi, vede i catanesi continuare a macinare gioco, anche se alla lunga l’esperienza del Ducato viene fuori e con quattro marcature, di fatto, creano quel gap di punti che i catanesi non riescono più a colmare. Un plauso, in ogni caso, va fatto agli Spartans, squadra giovanissima quasi un Under 19, che sotto tutti i punti di vista rappresenta il futuro del rugby a XIII in Italia.

 

 

 

XIII del Ducato: Ziliotti, Bara, Passera, Compaore, Bucellari, Barzan, Luccardi, Berzieri, Cazzarini, Dodi, Baccalini, Battini, Calcagno, Bondioli, Azzali, Manga, Santarelli, Iollo, Robuschi, Visentin; All. Rolleston.

Spartans Catania: Arrigo, Virzi, Calamaro, Arena, Murabito, Giammario, DI Prima, Mistretta, Nicosia, D’ALeo, Achraf, Lucignano, Di Trapani, Cacopardo, Mendosa, Crocerca,Sciacca, Calabria, Di Sano; All. Pezzano.

Marcatori: all’11’ meta Berzieri tr Bucellari (6 – 0), al 22′ meta Giammario (6 – 4), al 26′ meta Calamaro tr Arrigo 6 – 10, al 33′ meta Bara (10 – 10); secondo tempo: al 2′ meta D’Aleo tr Arrigo (10 – 16), al 6′ meta Bucellari tr Bucellari (16 – 16), al 13′ meta Passera tr Bucellari (22 – 16, al 29′ meta Virzi (22 – 20), al 31′ meta Bara tr Bicellari (28 – 20), al 39′ meta Manga tr Bucellari (34 – 20).

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

La Federazione Italiana di Rugby League programma il suo 2018

La Federazione Italiana Rugby League si appresta a vivere un 2018 ricco di attività e novità. Nell’ultimo consiglio direttivo fderale, infatti, la Federazione ha approvato un piano di sviluppo per i prossimi 4 anni che si prefissa di raggiungere obiettivi ambiziosi e importanti per il movimento del XIII italiano. Ma di cosa stiamo parlando?

Per prima cosa la FIRL vuole aumentare il numero dei tesserati, lavorare ancor meglio sul territorio al fine di creare delle realtà che operino nel Rugby League per tutto il corso della stagione. Allo stesso tempo, poi, si lavorerà sul creare un campionato italiano sempre di maggior interesse, tanto dal punto di vista del maschile, quanto di quello femminile.

Per quanto riguarda le giovanili, invece, che rappresentano le fondamenta di qualsiasi movimento, si sta pensando a strutturare un torneo U19, questo anche in vista dello spareggio Europeo che la nazionale giocherà a maggio a Fogliano di Redipuglia, in vista del Campionato Europeo di agosto in Serbia.

Questo investimento sulla base, si fonderà, anche, su un cambio di mentalità degli operatori del rugby League italiano che cercheranno di sviluppare il gioco del rugby League attraverso nuove metodologie di allenamento e di formazione

Sono, infatti, previsti in previsione per il 2018, gli ormai usuali corsi di allenatori e di arbitri di primo livello CATO (programma di formazione RLEF), corsi di secondo livello, e corsi di formazione per dirigenti FIRL.

Dal 2018, poi, oltre al campionato italiano maschile seniores e juniores, si creerà un campionato femminile e uno dedicato al Wheelchair, dopo la positiva esperienza della partecipazione alla Coppa del Mondo in Francia. 

ATTIVITA’ INTERNAZIONALE SENIORES – MASCHILE

La volontà della FIRL è quella di creare dei gruppi di lavoro sul territorio che permettano agli atleti di accrescere il proprio livello, questo per strutturare un lavoro che porterà i migliori giocatori del territorio a giocare il mondiale inglese del 2021. Le amichevoli dell’Italia si stanno decidendo assieme alle tante nazionali emergenti e ad alcune più strutturate del panorama League Europeo

© SportsCode

ATTIVITA’ INTERNAZIONALE SENIORES – FEMMINILE

LA FIRL sta lavorando per diffondere la disciplina e ha già creato dei gruppi di lavoro. Per le ragazze ci saranno incontri internazionali per accrescere il livello e l’esperienza nel codice. Si partirà dalla Francia, per poi affrontare il Libano e, sicuramente, una nazionale d’oltremanica.

ATTIVITà INTERNAZIONALE JUNIORES

LA FIRL intende lavorare sul territorio al fine di strutturare un gruppo di lavoro che porterà alla costituzione della nazionale di categoria che sfiderà in amichevole la Serbia – data ancora da decidere – e si giocherà la partecipazione all’Europeo di Agosto giocando lo spareggio il 19 maggio contro l’Ucraina, a Fogliano di Redipuglia.



Comunicato Stampa Federazione Italiana Rugby League

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Rugby League, si chiude un 2017 formidabile e non solo per la Coppa del Mondo

Volge al termine un anno di crescita per il rugby league italiano. E non solo per la partecipazione della Nazionale alla Rugby League World Cup 2017: nel corso dell’anno ci sono state tante “prime volte”, a livello sia di squadra che di giocatori, e si è registrata una crescita dell’interesse attorno ai colori azzurri e al rugby a XIII. 

Foto Antonella Principato / FIRL

nuove nazionali, una famiglia

Tra le tappe fondamentali, la nascita e lo sviluppo di 2 nuove squadre nazionali. L’Italia femminile ha infatti vissuto il suo esordio nel test rugby league con la sfida al Libano lo scorso 25 febbraio. In una storia tournée completata poi in giugno dalla trasferta della nazionale maschile, le azzurre si sono aggiudicate la sfida di Beirut con un perentorio 0-22, guadagnandosi una posizione di prestigio nel nuovissimo ranking internazionale Women’s Rugby League

Oltre alle azzurre – che usufruiscono ora di una pagina FB loro esclusivamente dedicata e sono scese in campo in una sfida rappresentativa il 5 giugno a Manta (Cuneo) – nel 2017 della F.I.R.L. ha visto la luce la nazionale italiana rugby league in carrozzina. Disciplina in crescita la cui Coppa del Mondo, organizzata quest’anno dalla Francia, ha rappresentato lo scenario ideale per la nuova Italia.


l’italia wheelchair in semifinale mondiale

Grazie agli sforzi di un tecnico navigato come Robert Fassoletteuno dei creatori di questa variante del league, da sempre sensibili alle esigenze ed esperienze della disabilità nello sport – l’Italia Wheelchair ha portato a casa l’amichevole con la Spagna il 18 luglio in un tiratissimo 30-32, per poi ripetersi due giorni dopo contro la Scozia (6-110) e di nuovo al cospetto degli spagnoli (39-68). 

Storico anche il successo sul Galles (108-24), prima del ko contro la formidabile Francia padrona di casa nella semifinale del torneo il 25 luglio ad Albi. 
Il 58-45 dell’Australia nella finalina per il terzo posto non macchiava né cancellava l’exploit dell’Italia alla sua prima manifestazione iridata in una disciplina divertente e stimolante sia per il suo gameplay (uso del pallone ovale, set, mete, trasformazioni e intensità) che per la sua capacità di mettere assieme gli sforzi di diversamente abili e normodotati. Citando le parole del CT Fassolette

La cosa bella del Wchair RL è che è uno sport aperto, giocato sia da normodati che da disabili. Gli atleti normodotati accettano solamente di “fare un passo” verso i loro colleghi disabili, dovendo restare legati alla carrozzina (grembo, ginocchia e caviglie). È il modo migliore per facilitare e favorire la comprensione reciproca tra normodati e disabili. In generale, la società cerca di facilitare le persone colpite da disabilità ed è una cosa buona, ma solo una delle possibilità. Il Wheelchair Rugby League offre un’altra dimensione: apre il mondo del disabile agli altri. Dice: proviamo a porci nel punto di vista dell’altro. 

Attualmente, la federazione sta portando avanti diversi progetti legati alla diffusione del Wheelchair Rugby League nella penisola ed è alla ricerca di collaboratori tra i tecnici degli sport per disabili. Posta l’importanza dell’attività internazionale, sarà fondamentale nel 2018 radicare la disciplina in seno magari alle polisportive e a chi già pratica questi sport (basket in carrozzina, ecc.). 


Il league è (anche) donna

Nell’anno solare 2017 più di 150 atlete hanno calcato i campi di rugby league e ci si aspetta che molte altre si uniscano a rimpolpare i ranghi in vista della stagione 2018. 

Oltre all’esordio ufficiale a livello di test rugby league, l’attività del league “in rosa” ha visto l’organizzazione di numerosi stage sul territorio, a nord come a sud. Occasioni di crescita per le ragazzi, i concentramenti hanno messo a loro disposizione tecnici certificati e qualificati Rugby League European Federation (RLEF).

Tutto l’entusiasmo dell’esordio azzurro nelle parole della giocatrice Virginia Pinarello:  

La partita in Libano è stata proprio bella da giocare. Una prova che abbiamo superato molto bene, aiutandoci l’una con l’altra anche perché per la maggior parte di noi era la prima vera e propria partita ufficiale in questo codice: molte di noi giocano di solito a rugby union o nel 7s in Coppa Italia. Ad ogni modo, abbiamo vinto addirittura 0-22 in trasferta, con un’ottima difesa ma ti dico la verità avremmo potuto fare più punti e siamo state frenate dall’inesperienza. Nel primo tempo il nostro gioco è stato un po’ confusionario, con sprazzi di singoli come il capitano Valentina Virgili [nazionale ‘dual code’, ndr] per poi andare a mettere ordine in seguito. Con un gioco più pulito e ordinato, non più basato solo sul punto d’incontro ma con palloni più veloci ai tre quarti.

Un 2018 ricco di eventi attende l’Italia League femminile: tour all’estero nelle nazioni roccheforti di questo sport, passando per un’intensificazione degli stage sul territorio per qualità, frequenza e numero di partecipanti, con sguardo sul breve (amichevoli e test match) e lungo termine (Coppa del Mondo).
In particolare, l’obiettivo della qualificazione alla Women’s Rugby League World Cup può e deve diventare una priorità per le azzurre e il loro staff. 


il rimpianto libanese, la scorpacciata di manta

Foto © SportsCode-Images

Oltre alla nascita e al consolidamento delle selezioni seniores femminile e Wheelchair, il 2017 è stato un anno interessantissimo per la nazionale senior, impegnata in partite ufficiali sanzionate dalla Rugby League International Federation (RLIF) in Europa e in Australia/Oceania

Messa in ghiaccio la qualificazione nello spareggio playoff con la Russia a fine 2016, l’Italia League ha affrontato nel 2017 un’ostica trasferta in Libano, per un test giocato sotto domestic quota rule. Al cospetto di una squadra in crescita e nonostante il fattore campo, l’Italia ha venduto cara la pelle il 3 giugno alla Universite Libanais di Beirut, cedendo ai Cedars solo 6-4 dopo l’annullamento molto discusso di una meta finale.

Guidata sul campo da Mirco Bergamasconazionale ‘dual code’ che ai caps internazionali raccolti nel rugby union sta unendo ora un nuovo percorso nel league –oltre che da veterani come Matthew Sands, Gioele Celerino, Emanuele Passera e Giuseppe Pagani, l’Italia si distingueva sul campo per applicazione difensiva e caparbietà nella tenuta del campo. 

© SportsCode

Un weekend dopo, lo splendido scenario di Manta – casa dei Saluzzo North West Roosters, club italiano che partecipa grazie all’accordo tra F.I.R.L. e FFRXIII ai campionati francesi – accoglieva le nazionali di Italia e Spagna, dopo una sfida di league femminile e lo stesso match tra Azzurri e XIII del Toro a livello under 21.

Grazie al piede perfetto di Bergamasco (13 su 14 dalla piazzola, record personale di 26 punti) e a una prova maiuscola come collettivo e individualità, il XIII italiano piegava in quell’occasione una Spagna che si era arresa solo alla forte Irlanda nelle precedenti qualificazioni iridate


L’abbraccio degli italiani al marconi

In una data storica per lo sport italiano nel mondo, la Nazionale concludeva la preparazione alla Rugby League World Cup 2017 ricevendo l’abbraccio del Club Marconi (Bossley Park, Sydney). Non un luogo qualsiasi ma uno dei simboli – se non il simbolo – dello sport e della cultura italiana nel mondo

Fondato nel 1956 da 106 soci italiani e intitolato al celebre scienziato e inventore Guglielmo Marconi, il club ha visto italiani e italo-australiani eccellere nello sport e soprattutto nel calcio.
All’attività degli Stallions, attuale denominazione della società di calcio che ora milita in National Premier Leagues NSW 2 ma vanta in bacheca numerosi titoli nazionali nell’era pre A-League,  si affianca da tempo quella del rugby league e l’8 ottobre il test tra Italia e Malta ha celebrato proprio l’identità italiana

Con in campo alcuni dei prospetti più interessanti tra coloro che militano nelle giovanili dei campionati australiani e gli stessi Bergamasco, Passera, Pagani e Giorgis, un’Italia capitanata da Celerino strappava un’importante pareggio 24-24 a Malta, attuale 19/a forza del ranking mondiale. 


tigers italiani

Nel corso del 2017, 3 atleti italiani – Gioele Celerino (Saluzzo NWR), Edoardo Pezzano (Spartans XIII Catania) e Simone Boscolo (Leoni Veneti) si sono trasferiti a Tully in Australia, per disputare i campionati del Cairns District con la maglia dei Tully Tigers

Tale opportunità è stata offerta ai ragazzi grazie ai contatti e alla rete di collaboratori della FIRL e alla comunità italiana del North Queensland. La fiducia riposta in Gioele, Edoardo e Simone è stata ampiamente ripagata e i ragazzi sono stati dei perfetti ambasciatori del rugby league italiano, per comportamento dentro e fuori dal campo

Lavoro nelle farm di giorno, allenamenti e partite la sera, con ottimi risultati: Celerino ha vinto più volte il premio di Man of the Match con la prima squadra dei Tigers, mentre Pezzano e Boscolo si sono distinti aiutando il team a vincere il campionato di Seconda Divisione. 

Successivamente i giocatori – da tempo nel giro della Nazionale – sono scesi in campo in diverse sfide di prestigio nel rugby league internazionale e rappresentativo, accumulando un’esperienza che darà linfa vitale e competenze nuove al gioco sul territorio italiano. 


l’avventura alla rlwc

Il caldo del North Queensland, dove primavera vuol dire estate e ci si allena sotto sole e 35 gradi, ha accolto gli sforzi dell’Italia League nella Coppa del Mondo 2017

Alla seconda partecipazione consecutiva dopo quella del 2013, la Nazionale si è presentata ai nastri di partenza iridati con un mix di veterani (Minichiello, Riethmuller, Santi, Celerino, ecc.) ed elementi reduci da stagioni stellari nella NRL (Tedesco, Vaughan, Brown, Alvaro, ecc.). 

Photo: Keegan Carroll / NRLPhotos.com

Ottimo l’impatto nel rapporto con la comunità italo-australiana locale (molti i tricolori di Barrow Park, casa dei Northern Pride, piacevole l’abbraccio di Ingham), nonostante lo scivolone all’esordio contro l’Irlanda (32-12). Particolarmente penalizzata dall’assenza del suo cervello e regista Campese e dall’infortunio del giovane Johns a gara in corso, il XIII azzurro si inchinava all’organizzazione di una formazione irlandese comunque ricca di talento e sapientemente ispirata da Liam Finn sul campo e Mark Aston alla guida tecnica. 

Photo Courtesy of NRL Photos

A Townsville, nel secondo impegno, un’Italia finalmente più tenace e risoluta straripava sugli USA (46-0, successo secondo in stagione solo a quello sulla Spagna per scarto inflitto agli avversari) rimettendo in piedi il discorso qualificazione. 

Finalmente recuperato Campese e trovate motivazioni data le aperte chance di qualificazione ai quarti, gli azzurri lottavano poi a Canberra (ACT) tenendo botta nel primo tempo contro le Fiji, una delle nazionali più ostiche del torneo come confermato dalla successiva affermazione sulla Nuova Zelanda ai quarti). 

Canberra, Australia – November 10 : Rugby League World Cup – Italy V Fiji
Photo: Keegan Carroll / NRLPhotos.com

Dopo una prima frazione giocata ad armi pari nonostante il talento e la fisicità di Jarryd Hayne e compagni, l’Italia cedeva poi nella ripresa salutando la Coppa del Mondo a testa alta. Alla fine, è mancato solo l’esordio (quei 32 punti incassati dall’Irlanda rimarranno a lungo nella mente e nei rimpianti dei giocatori…) in un torneo chiuso in crescendo


sul territorio

Oltre ai vari stage, organizzati sia per i giocatori di interesse nazionale che per under, l’attività sul territorio italiano ha visto un campionato italiano giocato in estate e dominato da XIII del Ducato (girone nord) e Spartans Catania (girone sud). 

Particolarmente attesa la finale, posticipata al 4 febbraio 2018 a causa dell’impegno iridato.

Nella finalissima, i catanesi cercheranno il loro primo titolo nazionale, che sarebbe la ciliegina sulla torta dopo una crescita ragguardevole anno dopo anno e la produzione di diversi atleti poi giunti a rappresentare l’Italia nel league internazionale. 

Il XIII del Ducato, espressione di una delle roccheforti del XIII italiano, vanta in bacheca numerosi scudetti e ha festeggiato la vittoria del raggruppamento nord Italia piegando i Leoni Veneti

Sempre sul piano dello sviluppo domestico, da menzionare l’attività dei Saluzzo NWR, club passato definitivamente dal rugby union al rugby league e ora impegnato nella campionato francese Provence-Alpes-Côte d’Azur (PACA) –National Division 2 grazie agli sforzi della dirigenza e all’accordo di FIRL e federazione transalpina. 

Non pochi giocatori della Piuma hanno ottenuto grazie alle prestazioni sul campo convocazioni in azzurro

Per gentile concessione Ufficio Stampa Saluzzo NWR

Risale al 25 marzo lo storico 26-16 al Saint-Martin 2, prima vittoria nel campionato PACA; successivamente il club ha ospitato la sfida alla Spagna per poi prepararsi alla nuova stagione francese dando continuità all’esposizione internazionale e turistica di Saluzzo, Manta e di tutta l’area circostante. 

Nella stagione 2016-2017, i Roosters si sono tolti la soddisfazione di qualificarsi ai playoff e soprattutto di esordire in Coupe de France, una delle competizioni più antiche e prestigiose d’Europa. 

Per gentile concessione © Saluzzo NWR

prestigiosi traguardi

In aggiunta a questa attività, è stato un 2017 da ricordare sul piano dei riconoscimenti internazionale. L’Italia è diventata infatti Full Member della Rugby League European Federation (RLEF) prima e della Rugby League International Federation (RLIF). 

Due riconoscimenti di sostanza oltre che di forma, a premiare il lavoro svolto negli anni e il rispetto di certi standard

© SportsCode

«Per noi diventare Full Member era un passo fondamentale e siamo molto contenti che ci ci sia stata data l’opportunità di confrontarci con tutte le federazioni mondiali – commenta Orazio D’Arrò, presidente della FIRLaver avuto poi l’unanimità di voto, poi, è un aspetto che non può che farci molto piacere. Ora, per l’Italia e la FIRL, è veramente arrivato il momento di fare quel salto in avanti che tutti ci aspettiamo e per cui stiamo lavorando da almeno 10 anni».

Tali standard sono stati mantenuti e migliorati anche sul campo della formazione: un aspetto importantissimo se si vuole fare il salto di qualità e sviluppare seriamente un nuovo sport.  

 

Sono stati svolti diversi Corsi per Allenatori e Arbitri, tutti tenuti da tecnici e formatori qualificati. In particolare, nel 2017 le sedi di Abbiategrasso, Saluzzo e Catania hanno ospitato queste iniziative, volte alla formazione di una nuova classe di coach e arbitri.

Fiore all’occhiello dell’attività le giornate di formazione svolte dal 20 al 26 settembre presso gli impianti dell’Amatori Catania
Nel dettaglio, due le figure di riferimento, inviate dalla RLEF in Italia per gestire e sovraintendere le lezioni. Ha introdotto e guidato il lavoro dei tecnici l’inglese Martin Crick (General Manager of Coaches Education and Formation della RLEF), mentre il compatriota Danny Mc Neice, suo omologo a livello coi Match Officials, ha sovrainteso al lavoro del gruppo arbitrale. 

 

In particolare, la federazione italiana svolge un ruolo di primo piano nella formazione di allenatori e direttori di gara nell’area del mediterraneo, guidando corsisti e tecnici dei movimenti di Spagna e Grecia

Fondamentale, prima dopo e durante le attività, la presenza e la guida dei nostri Tiziano Franchini (vice-presidente FIRL e ct dell’Italia League femminile) e Guido Bonatti(Rappresentante Arbitri nel Consiglio Federale). 

Tanti e di diversa provenienza i corsisti: Catania ha ospitato la voglia di formazione e aggiornamento di coach e arbitri provenienti delle federazioni e dai club di Italia (Salvo Pezzano, Tino Magrì), SpagnaGrecia e Svezia.
Un gruppo variegato, con l’Italia capofila della zona mediterranea; un modo di e per scambiarsi pareri, esperienze, dati e punti di vista. 

«Questo corso – racconta Franchini – fa parte del progetto della RLEF di alzare il livello di formazione sia della classe arbitrale che degli allenatori, in ogni singola nazione europea affiliata alla RLEF. Questo corso di Catania è parte di un sistema di sviluppo della formazione tecnica dell’organo europeo del rugby league, iniziato nel 2016 e che si concluderà nel 2018 con altre attività di approfondimento tecnico/formativo». 

[…]

Tale progetto si chiama TEP e ha l’obiettivo, attraverso il sistema CATO, di alzare il livello della preparazione tecnica della classe degli allenatori e degli arbitri di tutto il Vecchio Continente. 
Ma cosa è il CATO? L’acronimo si forma dalle parole inglesi ConsolidateApplicationTeamObserve
L’urgenza è dunque consolidare le conoscenza acquisite nella formazione di primo livello, applicare concetti e metodologie, lavorare come e sulla squadra e ovviamente osservare

Una formazione continua e non a compartimenti stagni: «Per migliorare le conoscenze degli allenatori e degli arbitri è necessario che la formazione sia continua. Ma non solo quella teorica ma anche quella pratica.  Per esempio, se un candidato ottiene la qualifica di allenatori di primo livello, ma non pratica e non viene seguito nel suo percorso di ‘facilitatore’ (tecnico che facilita cioè l’apprendimento della pratica del rugby league in tutti i suoi movimenti sia tecnici che tattici) da personale qualificato, questo soggetto rischierà di perdersi mancando un’occasione di crescita consona alle proprie capacità». 

La formazione è una cosa seria:  «Per alzare il livello del league domestico serve avere una classe tecnica – allenatori e arbitri – ‘preparata’ con una metodologia unitaria e con principi corretti e solidi; bisogna evitare l’improvvisazione, la scarsa preparazione, l’approssimazione, cose che possono solamente partorire una formazione errata e/o inconsistente. È necessario che il movimento cresca parallelamente con la crescita di coach e direttori di gara. Noi educatori lavoriamo per questo».

«Allenare è un ruolo complesso – avverte Tiziano – che non deve essere preso sottogamba, perché si lavora con e su un gruppo di persone. L’allenatore deve trasmettere e insegnare una disciplina sportiva e per ottenere le migliori performance dai propri giocatori deve essere altamente competente. Deve sapere quello che fa e non ‘arrangiarsi’. Deve mettersi in gioco. Come FIRL, vogliamo formare allenatori in grado di insegnare, allenare e diffondere il rugby league nella maniera più efficace ed appropriata possibile. Tutto ciò è indispensabile, se si vuole alzare le competenze dei giocatori e di conseguenza il livello dell’attività domestica». 

 


Published 29/12/2017 by Matteo Portoghese – FIRL Social Media Officer 

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

L’Italia League entra nel vivo della preparazione mondiale. La parola a coach Ciraldo

L’Italia League entra nel vivo della preparazione Mondiale e l’head coach Cameron Ciraldo fa il punto della situazione.

Ciraldo prima di diventare allenatore è stato un giocatore di livello in Australia e ha vestito la maglia azzurra dal 2009, fino al Mondiale 2013, evento in cui ha ricoperto il ruolo di vice capitano.

In carriera vanta presenze nelle squadre più importanti dell’NRL: dai Cronulla-Sutherland Sharks, ai Newcastele Knights, fino ai Penrith Panthers, compagine con cui ha chiuso la carriera a fine 2013.
Dal 2015 allena nel campionato giovanile di Rugby League.

Come ti stai preparando a questa Coppa del Mondo, la prima da allenatore?

Sono davvero entusiasta dell’occasione di rappresentare l’Italia alla 2017 Rugby League World Cup. Penso che insieme a tutta la squadra di tecnici abbiamo messo insieme una squadra veramente competitiva sul campo. Per arrivare a questa avventura, poi, abbiamo faticato molto e non solo sul campo; come FIRL siamo stati in grado ricreare una squadra di lavoro molto professionale e ora è arrivato il momento di onorare la maglia niente di meno che alla Coppa del Mondo.

Cosa pensi della squadra che sei riuscito ad allestire? Sei fiducioso?

Sono molto contento rispetto al gruppo, penso che abbia le giuste qualità per affrontare questa manifestazione. Non tutti i ragazzi, poi, sono professionisti e in molti hanno preso ferie dal lavoro pur di poter rappresentare l’Italia e questa è una cosa che gli fa onore. Ora tuttavia dobbiamo solo pensare a lavorare e preparare al meglio questa avventura Mondiale.

A destra, coach Ciraldo in maglia azzurra nel 2013

Dove pensi possiate arrivare?

Al momento ci siamo concentrati solo sulla nostra prima gara, quella contro l’Irlanda. Siamo consapevoli di andare ad affrontare una squadra molto forte e per questo dobbiamo prepararci al meglio per riuscire a vincere.
Prima sei stato un giocatore dell’Italia, ora l’allenatore. Un bel passo in avanti, come vivi questo cambiamento di ruolo? Sicuramente vedo le cose da una prospettiva diversa ora che sono dall’altra parte. Come giocatore pensi maggiormente al campo e fare del tuo meglio una partita alla volta. Come allenatore devi pianificare e preparare tutto nella maniera più serie a e professionale possibile. Per noi ci sono stati 12 mesi di grande lavoro, dietro le quinte, diciamo, tanto in Italia quanto qui in Australia, il tutto per organizzare al meglio questo Mondiale. Come nazionale siamo estremamente fortunati ad avere un grande gruppo di lavoro, degli sponsor e dei sostenitori così disponibili a sostenerci al fine di poter lavorare nel miglior modo possibile.
Una breve analisi delle prossime avversarie: Usa, Figi e Irlanda. Tutte e tre le squadre che andremo a sfidare hanno allestito delle rose di primissimo livello e con tanta esperienza. Sappiamo che sarà un’avventura veramente dura e ci sarà un sacco di lavoro da svolgere. Tuttavia non possiamo preoccuparci troppo delle altre squadre. Voglio che i ragazzi lavorino al meglio, perché io posso controllare il gruppo e supportarlo. Noi italiani siamo conosciuti per essere grandi lavoratori e questo è un aspetto che ho visto fin da subito osservando la squadra. Sono fiducioso e consapevole di aver preso la strada giusta, le soddisfazioni arriveranno.

Il punto forte della tua squadra, qual è?

Abbiamo alcuni giocatori veramente esperti e alcuni giocatori giovani che hanno grandi qualità e carriere di altissimo spessore, davanti a loro. Vorrei che il punto forte dell’Italia fosse in gruppo.

PREZZI E OFFERTE SUI NOSTRI KIT MONDIALI


Italy v Tonga, Venerdì 20 ottobre, Callendar Park, Innisfail

Salon XIII v Saluzzo NWR, domenica 22 ottobre, Stade Roustan, Salon-de-Provence (France) 

Italy v Ireland, domenica 29 ottobre, Barlow Park, Cairns
Italy v USA, domenica 5 novembre, Townsville Stadium, Townsville
Italy v Fiji, venerdì 10 novembre, Canberra Stadium, Canberra

Foto © Red Elephant / Cultural Pulse

 


 

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Wheelchair Rugby League World Cup – Francia sul tetto del Mondo (MondoSportivo.it)

 di Matteo Portoghese per MondoSportivo.it 

In archivio l’edizione 2017 della Wheelchair Rugby League World Cup, organizzata e ospitata dalla Francia. 7 le squadre ai nastri di partenza, pronostico rispettato sia per il toto-finaliste che per l’esito della finalissima: Francia-Inghilterra è valsa l’oro ai mondiali 2013 e a Euro 2015 e francesi e inglesi si sono confermati i dominatori della disciplina, con nuovamente Les Bleus a primeggiare e godersi il primo posto.
Ma non è stato facile e, durante la finale di Perpignan, la Francia ha sudato ben oltre le proverbiali 7 camicie: a lungo in svantaggio, ha avuto davvero paura di perderla.

Il pronosticocome ci aveva confermato il ct italiano Robert Fassolette in sede di presentazione del torneo, era tutto dalla parte dei transalpini. Nonostante l’exploit inglese agli Europei 2015, o forse proprio per questo: difficilmente i campioni del mondo avrebbero nuovamente abbassato la guardia, difficile se non impossibile batterli in 2 finali internazionali consecutive.

Sin qui i pronostici, ma poi il campo ha detto dell’altro. Per esempio, l’Inghilterra è messa benissimo in campo, come strategia di squadra e competenza dei giocatori: Simpson e compagni avevano un piano partita e lo hanno rispettato. Applicando con ordine e abnegazione l’idea di aggredire inizialmente – a sorpresa, a mo’ di imboscata – l’avversario favorito. Colpirlo a freddo e poi dedicarsi alla difesa, sporcando i palloni giusti e togliendo ai francesi, una a una, delle piccole certezze. Insinuare dei dubbi nella perfezione altrui e poi metterci, ovvio, il talento: Bechara è una forza della naturaBrown uno dei giocatori più brillanti della Coppa del Mondo, Boardman ha fatto bene sia in attacco che nelle penalità.

Al riposo sul 10-10, davanti a 2.500 spettatori, Francia e Inghilterra continuavano a dirsi (e darsi…) qualcosa nella ripresa. Dove pure, tutti, avremmo predetto il crollo degli inglesi, schiacciati dai ritmi di un avversario letale appena gli concedi campo, ma dove – bravura loro o mancanza dei Bleus? – di crollo non s’è vista manco l’ombra.
Vero che le mete di Denuwelaere e Plaza qualche avvisaglia la davano, ma abbiamo avuto una partita viva ed equilibrata sino alla fine. Quando l’Inghilterra – sfortunata oppure semplicemente parente della sua nazionale principale, abituata a sciogliersi sul più bello– ha concesso una penalità lungo la linea di meta francese ed è caduta, stavolta definitivamente, 38-34.

Una finale epica – aggettivo abusato nella cronaca sportiva eppure valido stavolta – anche grazie a un Wheelchair Rugby League variante elettrizzante di uno sport già accattivante di suo. Una partita che ha chiuso una Coppa del Mondo positiva per il movimento tutto, a partire dalla nazionale italiana, quarta al termine della ‘finalina’ contro l’Australia (58-45) a Saint-Orens-de-Gameville, in un percorso molto positivo che ci si augura sia solo l’inizio per il radicamento locale della disciplina.
Ma nessuno, dalla Scozia lanterne rouge del torneo alla Spagna, passando per gli orgogliosissimi Galles e Australia, ha demeritato e tutti – in un modo o nell’altro – portano a casa qualcosa di nuovo, di utile: nuovi ricordicompetenzecontatti e chilometraggio ad alto livello. Alla prossima!

 
Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Wheelchair Rugby League World Cup – Un’Italia da top 4 (MondoSportivo.it)

di Matteo Portoghese per MondoSportivo.it

Resterà scolpita nella storia l’impresa dell’Italia alla Wheelchair Rugby League World Cup 2017.
I ragazzi di coach Robert Fassolette sono arrivati infatti fino alle semifinali, battendo in serie in amichevole Spagna (32-30) e poi nel torneo Scozia (6-110), ancora Spagna (39-68) e soprattutto Galles (108-24) ai quarti.

Visualizza l'immagine su Twitter
 

Nella sfida di Tolosa contro la Francia campione del mondo, gli azzurri si sono arresi 98-6. Punteggio netto ed esito mai in discussione, data la superiorità dei transalpini in ogni fase di gioco e su entrambe le metà campo. Fluidi nella manovra, veloci alla mano e solidi difensivamente, i francesi hanno rappresentato uno scoglio impossibile da superare per la Nazionale, a segno soltanto nella ripresa con i punti della consolazione.

ll ko in semifinale non cancella né toglie meriti al percorso di una squadra allestita in poco tempo eppure capace sin da subito di essere performante. Fondamentale, sul piano mentale e della consapevolezza nei propri mezzi, la rimonta con la Spagna nella fase a gironi: da situazione di netto svantaggio all’intervallo, una reazione pronta, determinata ed efficace davanti a un avversario di livello.

Per gentile concessione FFR XIII – Fédération Française de Rugby à XIII

«Sono soddisfatto del lavoro svolto dai ragazzi – commenta coach Fassolette, allenatore dell’Italia di Wheelchair Rugby League – hanno dimostrato sul campo di essere una squadra e i risultati parlano da soli. Cosa ho detto ai ragazzi prima della Francia? Di giocare da Italia e di divertirsi, non capita tutti i giorni di giocare una semifinale di Coppa del Mondo».

Wheelchair Rugby League World Cup 2017 – Risultati

Spagna-Italia 30-32
Francia-Australia 70-16

Australia-Galles 72-24
Scozia-Italia 6-110
Francia-Inghilterra 71-31
Galles-Inghilterra 32-78
Spagna-Italia 39-68
Francia-Australia 102-22
Scozia-Spagna 18-54
Francia-Galles 118-10
Australia-Inghilterra 26-80

Australia-Spagna 49-40
Italia-Galles 108-24

Inghilterra-Australia 78-36
Francia-Italia 98-6

Spagna-Galles 27/07/2017 14:00
Australia-Italia 27/07/2017 18:30

Francia-Inghilterra 28/07/2017 19:00

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

L’Italia di Wheelchair Rugby League FIRL è in semifinale Mondiale

Gli Azzurri di coach Fassolette affronteranno questa sera la Francia campione del mondo in carica

 

L’Italia di Wheelchari Rugby League è in semifinale Mondiale : gli Azzurri di coach Fassolette, infatti, dopo tre vittorie consecutive, l’ultima nei quarti di finale contro il Galles (108 – 24), affronteranno questa sera alle 18.30, presso il Liceo Caffarelli di Tolosa la Francia, detentrice del titolo Mondiale e padrona di casa. L’Italia di Wheelchair Rugby League ha dimostrato sul campo di essere squadre moto organizzata e con un innata capacità offensiva che le permette di essere pungente in ogni azione e non dare mai punti di riferimento agli avversari. <<Sono soddisfatto del lavoro svolto dai ragazzi – commenta coach Fassolette, allenatore dell’Italia di Wheelchair Rugby League – hanno dimostrato sul campo di essere una squadra e i risultati parlano da soli. Questa sera affronteremo la Francia, non sarà facile, ma andiamo a Tolosa per giocare la gara a viso aperto e senza timore. Cosa dirò ai ragazzi? Di giocare da Italia e di divertirsi, non capita tutti i giorni di giocare una semifinale di Coppa del Mondo>>.

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Wheelchair Rugby League World Cup: 2/a giornata – Italia, che rimonta contro la Spagna! (MondoSportivo.it)

 di Matteo Portoghese per MondoSportivo.it

Grande exploit in rimonta della Nazionale di Wheelchair Rugby League, che nella seconda giornata della Coppa del Mondo in corso in Francia ha piegato la Spagna con un 39-68 figlio di un secondo tempo d’autore.
La Selección e gli Azzurri erano infatti andati al riposo sul punteggio di 35-18 e in pochi si sarebbero immaginati la rimonta di Laurent Blasczak (Man of the Matche compagni.

In cronaca, break italiano in avvio (0-10), ma Spagna pronta a reagire con meta di CarlosMolina a breve giro di posta. Se l’Italia c’è (trasformata penalità da fuorigioco spagnolo), gli iberici insistono e la mettono in difficoltà: Theo González va oltre dopo azione personale e Máxime Cabanne è preciso sia dalla piazzola che nel marcare. Ancora González e Raúl Ortiz aumentano il vantaggio della Spagna e su questa falsariga si va all’intervallo: Italia Wheelchair sotto di 17 e musi un po’ lunghi rispetto al felice esordio con la Scozia.

Nella ripresa, tuttavia, ecco l’inversione di marcia: cresce l’intensità difensiva dello sforzo azzurro e diventa realmente difficile, per gli spagnoli, guadagnare terreno e rendersi pericolosi. E anche nell’altra metà campo le cose sono cambiate: subito una meta trasformata e ben altro ritmo. Risaliamo la china: manovre d’avvicinamento (39-28) e poi sorpasso (39-44). La nuova reazione del Toro è coraggiosa ma timida e ormai i ragazzi di Robert Fassolette si godono la meritata seconda vittoria in altrettante uscite.

Per gentile concessione RFL. The Rugby Football League

Sguardo al resto del tabellone, autoritaria l’affermazione dell’Inghilterra sul Galles (32-78), come quella della Francia sull’Australia (102-22).
Squadre nuovamente in campo oggi pomeriggio a Saint-Jory-Gymnase du Lac, a partire dalle 14 (Scozia-Spagna).
L’Italia riposerà, in attesa di conoscere il nome dell’avversario nella fase a eliminazione diretta; per adesso, la soddisfazione di una qualificazione presa con autorevolezza e con 2 vittorie di ampio scarto.

Wheelchair Rugby League World Cup 2017 – 2/a giornata

Galles-Inghilterra 32-78
Spagna-Italia 39-68
Francia-Australia 102-22

Prossime partite:

Scozia-Spagna 24/07/2017 14:00
Francia-Galles 24/07/2017 16:30
Australia-Inghilterra 24/07/2017 19:00

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus