Autore: Tiziano

Venerdì Tonga-Italia a Innisfail. Conosciamo i nostri avversari

[Immagine concessa da NRLPhotos]

Le nazionali di Tonga e Italia si affronteranno venerdì 20 ottobre a Innisfail (Queensland) nell’ultimo warm-up prima della Coppa del Mondo

I tongani, attuale 11/a forza del ranking Rugby League International Federation (RLIF), si sono qualificati alla kermesse iridata grazie al 28-8 inflitto alle Isole Cook il 17 ottobre 2015 a Campbelltown (Australia).
Rispetto a quella partita, giocata davanti a 5 mila spettatori nello stadio abitualmente casa dei Wests Tigers nella NRL, il XIII di coach Kristian Woolf ha migliorato la qualità dell’organico, grazie soprattutto alle scelte di diversi top player, che hanno rifiutato le convocazioni delle  nazionali di punta per poter onorare e rappresentare le origini delle rispettive famiglie. 

Parliamo, soprattutto, di Jason Taumalolo, fortissima Terza Linea dei North Queensland Cowboys finalisti NRL 2017, ha scelto di giocare per Tonga e non per Nuova Zelanda. Si tratta di un elemento tra i più performanti al mondo nel ruolo, che sposta tanti equilibri: classe 1993, ha indossato la casacca di Mate Ma’a Tonga e Kiwis a livello di test, guadagnandosi poi per le prestazioni in campionato la convocazione all’NRL All Stars 2015.
191 cm per 113 kg, il n. 13 dei Cowboys vanta nel suo palmarès la vittoria del campionato australiano 2016 e del successivo World Club Challenge, conquistato a Leeds nel febbraio 2016. 

Una decisione simile l’ha presa anche Andrew Fifita, pilone in forza ai Cronulla Sharks e punto fermo di New South Wales nello State of Origin. Il 28enne ex Tigers ha infatti accettato la chiamata di Tonga invece che quella dell’Australia detentrice del titolo iridato. 

«Mi hanno molto deluso alcuni commenti e reazioni alle decisioni di Jason ed Andrew. Sono stati molto coraggiosi e fieri nel voler rappresentare il loro retaggio familiare. Devo essere sinceroha spiegato coach Woolf in un suo articolo per The Player Voicenon mi aspettavo di averli a disposizione. È normale: non possiamo pagare i gettoni di presenza che pagano le nazionali d’élite né abbiamo la loro organizzazione. Ma stavolta è successo qualcosa di diverso. Le famiglie di questi ragazzi hanno lasciato Tonga in cerca di una vita migliore in Nuova Zelanda o in Australia. Sono arrivatiein un nuovo paese, vi si sono stabilite lavorando sodo, spesso svolgendo lavori sottopagati, solo per dare una chance ai loro figli. Ecco: questi giocatori, rappresentando le loro radici familiari, stanno sostenendo le loro famiglie. Quelle stesse persone che hanno dato tutto per farli stare bene e avere un futuro».  

A parte le scelte individuali, effettivamente Tonga ha ora a disposizione una rosa di super livello. Si pensi, per esempio, all’ala Daniel Tupou (Sydney Roosters), 4 gettoni di Origin con NSW.
O al contingente che milita nella Super League inglese: Mahe Fonua e Sika Manu sono compagni di squadra del capitano azzurro Mark Minichiello all’Hull FC, Ukuma Ta’ai gioca insieme all’italiano Shannon Wakeman con gli Huddersfield Giants, Samisoni Langi è stato ingaggiato da Leigh per il finale di stagione.
Per non parlare di Sam Moa (Catalans), Ben Murdoch-Masila e Manu Vatuvei (Salford Red Devils). 

Proprio il nome Salford rievoca, in questi giorni, buoni ricordi nella memoria dei tifosi azzurri.
Esattamente 4 anni fa infatti l’AJ Bell Stadium di Eccles ospitava l’amichevole pre Mondiale 2013 tra Inghilterra e Italia, chiusosi con lo storico 14-15 a favore degli azzurri. 
Anche stavolta, come alla vigilia della passata RLWC, lo staff della Nazionale ha scelto un avversario forte (e sulla carta favorito) per l’ultima prova prima del grande ballo. 

Uno scatto della storica amichevole di 4 anni fa

«Si tratta di affinare le combinazione, sistemare i dettagliha raccontato al Cairns Post il Team Manager dell’Italia Reno Santaguidaperché manca poco alla Coppa del Mondo e ci serve questo tipo di contesto. Giocare ci aiuterà a cementare il gruppo, siamo molto carichi. La cultura che portiamo avanti è quella del duro lavoro, dell’impegno. Ed è la stessa mentalità della città di Innisfail, dove vivono forti e ben radicate comunità italiane e tongane. Da quel che mi dicono, sarà una grande festa che coinvolgerà tante persone».

Appuntamento per venerdì 20 ottobre al Callendar Park di Innisfail. Partita che non assegnerà caps a livello di test ma di sicuro interesse, sia per il livello dei giocatori in campo che per l’imminenza dell’esordio mondiale (29 ottobre con l’Irlanda a Cairns).

In programma anche la sfida tra la nazionale femminile della Papua Nuova Guinea e una selezione Cassowary Coast composta da giocatrici del Queensland del Nord, oltre a quella tra due rappresentative di italiani d’Australia di Queensland e New South Wales. 


PREZZI E OFFERTE SUI NOSTRI KIT MONDIALI


Italy v Tonga, Venerdì 20 ottobre, Callendar Park, Innisfail

Salon XIII v Saluzzo NWR, domenica 22 ottobre, Stade Roustan, Salon-de-Provence (France) 

Italy v Ireland, domenica 29 ottobre, Barlow Park, Cairns
Italy v USA, domenica 5 novembre, Townsville Stadium, Townsville
Italy v Fiji, venerdì 10 novembre, Canberra Stadium, Canberra

Foto © Red Elephant / Cultural Pulse

Published 18/10/2017 by Matteo Portoghese – FIRL Social Media Officer

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Rugby League di club, segnali positivi dal Saluzzo alla prima di campionato

[Immagine concessa dall’Ufficio Stampa Saluzzo NWR]

Positiva prestazione dei Saluzzo North West Roosters, club italiano impegnato nel campionato Provence-Alpes-Côte d’Azur (PACA), divisione della National Division 2 francese.

Un impegno, quello della Piuma, nato dal sogno della società e dalle sinergie tra Fédération Française de Rugby à XIII (FFR XIII) e Federazione Italiana Rugby League (FIRL) e che prosegue quest’anno dopo l’esperienza della stagione agonistica 2016-2017 e la partecipazione in estate al girone nord del campionato italiano. 

Per gentile concessione Ufficio Stampa Saluzzo NWR

I ragazzi di coach Elio Giacoma sono scesi in campo sul difficile terreno di Marsiglia, per la sfida al Marseille XIII Avenir. Circa 340/370 chilometri separano Marsiglia e Manta, sede delle partite interne dei NWR, e questa è solo la prima di una serie di trasferte impegnative. Eppure l’entusiasmo non è venuto meno, anzi.

Probabilmente ispirati dalla convocazione in nazionale di Jaime Giorgis e Gioele Celerinoattualmente in Australia con l’Italia League – i saluzzesi non mollano:  se era stata dura, campionato scorso,  la lezione inflitta dai marsigliesi al XIII del nord ovest, questa volta il gap è andato riducendosi per il 30-20 finale

Per gentile concessione Ufficio Stampa Saluzzo NWR

Di Olocco, Moressa, Grosso e Tallone le mete italiane in questa prima di campionato, in risposta alle 3 marcature iniziali dei francesi. 

È sceso in campo, con la maglia n. 12, Lucas Bruzzone, inserito nella lista dei pre-convocati per la Rugby League World Cup. Diversi dei giocatori schierati dai Roosters in questa prima di campionato hanno inoltre rappresentato l’Italia a livello di test e under 21 e certamente dagli sforzi del club saluzzese nel campionato P.A.C.A. passa parte dei programmi senior e giovanili della federazione. 

Positivo il parere di coach Giacoma, dopo la prova allo Stade Roger Couderc: «Una bella prestazione da parte di tutti i miei ragazzi. Coraggiosi e determinati, hanno usato il cuore e finalmente anche la testa. Gli avversari di oggi sono davvero una bella formazione, e questo rende il tutto più piacevole. Peccato i troppi errori in fase di attacco, che ci avrebbero potuto regalare migliori soddisfazioni. Andiamo però avanti consci del nostro lavoro. Il tanto lavoro fatto sta dando i suoi frutti, merito anche di Federico, Elisa e Alessandro, i nostri nuovi collaboratori tecnici». 

Guarda già avanti capitan Cristian Mairone, 2 caps con l’Italia: «È stata una partita giocata col cuore. La squadra ha mostrato un atteggiamento corretto e determinato. Stiamo migliorando e crescendo grazie al lavoro di tutto lo staff, ora dobbiamo andare a Salon per vincere, consapevoli che vincere è possibile».

Squadra ora al lavoro in vista del prossimo impegno, previsto per domenica 22 ottobre contro il Salon de Provence

MARSEILLE AVENIR XIII-SALUZZO NWR 30-20
Marcatori Saluzzo : Olocco, Moressa, Grosso, Tallone M.
Formazione Saluzzo: 1 Giorgis, 2 Giunta, 3 Mairone (cap.), 4 Radosta O.G., 5 Tallone M., 6 Mattio, 7 Margaria, 8 Grosso, 9 Moressa, 10 Caporgno, 11 Martino, 12 Bruzzone, 13 Olocco, 14 Hussein, 15 Radosta P., 16 Bertola, 17 Sassoletti.


 


PREZZI E OFFERTE SUI NOSTRI KIT MONDIALI


Italy v Ireland, Sunday 29 October, Barlow Park, Cairns, 4:00PM AEST, Townsville Stadium, Townsville
Italy v USA, Sunday 5 November, Townsville Stadium, 7:40PM AEDT, Canberra Stadium, Canberra
Italy v Fiji, Friday 10 November, Canberra Stadium, 2:00PM AEST, Barlow Park, Cairns

Foto © Red Elephant / Cultural Pulse

Published 18/10/2017 by Matteo Portoghese – FIRL Social Media Officer

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Rugby League World Cup – Gli azzurri

Il commissario tecnico della nazionale italiana Cameron Ciraldo ha diramato la lista degli atleti convocati per la Rugby League World Cup 2017

Ai convocati definitivi si aggiungono 4 ‘shadow players’, che seguiranno la squadra e si terranno a disposizione

Rispetto al Mondiale precedente, confermati Mark Minichiello (capitano), Ryan Ghietti, Paul Vaughan, Josh Mantellato, Cristophe Calegari, Joel Riethmuller, Brenden Santi, Gavin Hiscox, Gioele Celerino e James Tedesco.

© Brian King / Per concessione KingsPix

Come shadow players, lo staff azzurro ha scelto Dean Parata, Jack Campagnolo, Kieren Quabba e Ricardo Parata. Diversi di questi giocatori si sono ben distinti nel Test Match contro Malta, chiusosi in pareggio (24-24). 

Nel caso scendessero in campo, guadagnerebbero il debutto a livello di test Daniel Alvaro, Nathan Brown, Jack Johns e Nathan Milone

Affiancheranno il capo-allenatore Ciraldo – 3 caps da giocatore nel 2013 – Kelly Rolleston ed Anthony Minichiello, capitano della Nazionale 4 anni fa e leggenda dei Sydney Roosters e di New South Wales. 

Prima convocazione mondiale a league per Mirco Bergamasco, nazionale ‘dual code’. 

paolocilli.com PH / Per gentile concessione Saluzzo NWR

Di seguito la lista dei 25 azzurri. 

F.I.R.L.  – Rugby League World Cup 2017 – Squadra definitiva

Daniel Alvaro – Parramatta Eels *
Mirco Bergamasco – Leoni Veneti
Nathan Brown – Parramatta Eels *
Christopher Calegari – Palau XIII Broncos
Terry Campese – Queanbeyan Blues
Justin Castellaro – Northern Pride
Gioele Celerino – Saluzzo NWR/Tully Tigers
Chris Centrone – Wyong Roos
Mason Cerruto –Penrith Panthers/St Marys
Ryan Ghietti – Northern Pride
Gavin Hiscox – Central Queensland Capras
Jack Johns – Newcastle Knights *
Richard Lepori – Oldham Roughyeds
Josh Mantellato – Wyong Roos
Mark Minichiello, capitano – Hull FC
Nathan Milone – Wests Tigers *
Giuseppe Pagani – Lions Brescia
Joel Riethmuller – Northern Pride
Brendan Santi –Sydney Roosters/Wyong Roos
James Tedesco, vice-capitano – Wests Tigers
Joel Tramontana –Canterbury-Bankstown Bulldogs
Paul Vaughan – St George Illawarra Dragons
Jayden Walker – Cronulla-Sutherland Sharks
Colin Wilkie – Northern Pride
Shannon Wakeman – Huddersfield Giants

Shadow Players

Jake Campagnolo – Northern Pride
Dean Parata – Blacktown Workers
Ricardo Parata – Burleigh Bears
Kieran Quabba – Townsville Districts Blackhawks

* = Esordiente.

STAFF:

Allenatore – Cameron Ciraldo 
Ass. Allenatore – Anthony Minichiello
Ass. Allenatore – Kelly Rolleston 
Team Manager – Reno Santaguida 
Ass. Team Manager – Fabio Di Pietro
TLO – Mick Pezzano
High Performance Manager – Reece Williams
Phisyo – Kieran Morgan
Sport Science – Roberto Nicoletta
Gear Manager – Carmine Barbaro
Australia Media Liaison/NRL Welfare – Andrew Ryan 
Presidente – Orazio D’Arro
Vice Presidente – Tiziano Franchini
Football Operations – Tony Zappia
Commercial Manager – Tony Licastro
Membro del Board – Salvatore Pezzano
Media Manager – Davide Macor
Social Media Manager – Matteo Portoghese



PREZZI E OFFERTE SUI NOSTRI KIT MONDIALI


Italy v Ireland, Sunday 29 October, Barlow Park, Cairns, 4:00PM AEST, Townsville Stadium, Townsville
Italy v USA, Sunday 5 November, Townsville Stadium, 7:40PM AEDT, Canberra Stadium, Canberra
Italy v Fiji, Friday 10 November, Canberra Stadium, 2:00PM AEST, Barlow Park, Cairns

Foto © Red Elephant / Cultural Pulse

Published 10/10/2017 by Matteo Portoghese – FIRL Social Media Officer

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Test Match, l’Italia pareggia 24-24 con Malta a Sydney

[Images courtesy of Bryden Sharp Photography]


È finito in parità il Test Match di Bossley Park (Sydney) tra Italia e Malta.

Si trattava di una prova importante per entrambe le compagini, dati i punti di ranking Rugby League International Federation in palio, la sanzione ufficiale dell’incontro come test e l’imminenza della Rugby League World Cup per gli azzurri. 

Davanti al pubblico del Club Marconi, storica casa della pratica sportiva della comunità italiana in Australia (vedi il Marconi Stallions Football Club, fondato nel 1956 da italiani), le formazioni si sono date battaglia per 80′, in un contesto tecnico molto equilibrato

Test Match – game on !

Geplaatst door Malta Rugby League (MRL) op zaterdag 7 oktober 2017

 

Prestazione perfetta al piede per Mirco Bergamasco (Leoni Veneti), che col suo 4/4 dalla piazzola ha arrotondato il punteggio dell’Italia League.
Sugli scudi con una meta ciascuno Jayden Walker (classe 1996 dei Cronulla-Sutherland Sharks) e Jack Campagnolo, esordiente giovane dei Northern Pride. 

Premiato migliore in campo per gli azzurri Ricardo Parata, autore di 2 mete. Una prova solida da parte del ragazzo dei Burleigh Bears, all’esordio assoluto a livello di test. Dall’altra parte è stato Ben Stone, figlio del tecnico degli Huddersfield Giants Rick Stone, a ricevere il premio di MOTM.  

Assieme a Ricardo e Jack, altri 7 azzurri hanno raccolto il primo cap internazionale. 

Malta, 19/a nel ranking RLIF e reduce dal secondo posto nello European Championship C alle spalle della Spagna, ha dominato le fasi iniziali a livello di gioco, spingendo parecchio sull’acceleratore, a gestire campo e possesso. Più cinici gli azzurri, bravi a sfruttare ogni buco concesso dalla difesa de l-Kavallieri e rendersi pericolosi. 

Meta maltese in avvio (converte Glanville), ma pronta reazione azzurra: è Campagnolo a marcare, con conversione di Bergamasco
Qui, Aiden e Mirco – incaricati di occuparsi dei calci dai rispettivi coach – iniziano un duello a distanza, che terminerà pari e patta: percentuale immacolata per entrambi e 100% al piede

L’Italia va, comunque: Walker allunga (10-6) e le cose si complicano per Attard e compagni. Complici indisciplina ed errori alla mano, la difesa azzurra è costretta a diversi set difensivi uno dopo l’altro, ma la barricata regge: abnegazione e concentrazione i concetti chiave, si va all’intervallo sul 12-6.

Nella ripresa si allarga il solco: è il tallonatore Ricardo Parata a bucare i maltesi e, complice il piede di Bermamasco, il tabellone del Marconi Stadium sorride ai colori azzurri (18-6). 

Ora però, invece che chiuderla, alla Nazionale viene un po’ il ‘braccino corto’: Malta rientra ed è un break pesante, con 2 mete nello spazio di pochi minuti (18-18).
I Knights, addirittura, mettono freccia e sorpassano (18-24, Glanville ancora perfetto) ma l’Italia, con grinta e professionalità, la rimette in piedi: di nuovo Parata – esordio da sogno – va oltre per la meta trasformata del 24-24 finale

Pareggio tutto sommato giusto, espressione dei valori in campo e della forza di entrambe le nazionali. 

Ecco le parole del capitano maltese Jake Attard: «È stato un match molto tirato. Ringrazio inoltre tutti i miei compagni e l’organizzazione per aver messo su tutto ciò e averci permesso di onorare la maglia. Complimenti all’Italia per la prestazione, è una squadra molto valida. In bocca al lupo ai Mondiali!». 

Co-capitani di giornata Christian Bate e Gioele Celerino, Seconda/Terza Linea impegnato stagione scorsa con Saluzzo NWR e Tully Tigers (Queensland). 

Christian, vincitore del Sydney Shield Player of the Year award e della Brad Fittler Medal per le sue prestazioni in campionato, si è congratulato con gli avversari per la prova offerta, facendo inoltre i complimenti ai giocatori di formazione italiana scesi in campo. 

Guarda all’oggi e al domani Gioele: «Sono molto felice di essere qui. Ricordi ed esperienze di questo tipo sono importantissimi e aiuteranno lo sviluppo del rugby league nel nostro paese. Questo tipo di match è semplicemente pazzesco e spero un giorno il rugby league possa diventare uno degli sport più importanti e diffusi in Italia». 

La Nazionale proseguirà ora la preparazione in vista della Coppa del Mondo, mentre Malta è attesa dal test match con l’Ungheria sempre al Club Marconi. 
Prossimo appuntamento con i colori azzurri per venerdì 20 ottobre a Innisfail (Queensland), dove Minichiello e compagni affronteranno Tonga in un’amichevole pre-mondiale.
Obiettivo oliare gli ultimi meccanismi in vista dell’esordio iridato contro l’Irlanda, ma il pensiero va anche al 15-0 subito ad Halifax nel 2013. 

ITALIA-MALTA 24-24 (18-6 HT)
Calciatori: Bergamasco (Italy) 4/4, Glanville (Malta) 4/4. 
Mete Italia: Campagnolo, Walker, Parata (2). 


PREZZI E OFFERTE SUI NOSTRI KIT MONDIALI


Italy v Ireland, Sunday 29 October, Barlow Park, Cairns, 4:00PM AEST, Townsville Stadium, Townsville
Italy v USA, Sunday 5 November, Townsville Stadium, 7:40PM AEDT, Canberra Stadium, Canberra
Italy v Fiji, Friday 10 November, Canberra Stadium, 2:00PM AEST, Barlow Park, Cairns

Foto © Red Elephant / Cultural Pulse

Published 09/10/2017 by Matteo Portoghese – FIRL Social Media Officer

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Rassegna Stampa – Ottobre 2017

  • Il “piacentino” Kelly Rolleston vice-allenatore della nazionale italiana di Rugby a 13 ai Mondiali in Australia —Piacenza Online14/10/2017
  • Italia League: ecco la lista Mondiale. Bergamasco c’è — NPR, 11/10/2017.
  • Mirco Bergamasco to wow the World Cup on and off the field — The Daily Telegraph, 11/10/2017.
  • Rugby League World Cup 2017 – Il dietro le quinte: a tu per tu con Ryan Gould (Wales RL) — MondoSportivo, 10/10/2017.
  • Italia Rugby League: i selezionati per la World Cup — Rugby Meet, 11/10/2017. 
  • Wilkie to honour mother’s memory at Rugby League World Cup — The Cairns Post, 09/10/2017.
  • Amatori Catania, Pezzano: arriva la chiamata per il mondiale australiano — Catania Today, 07/10/2017
  • Rugby, c’è un Campese in azzurro: Terry va al Mondiale a XIII — La Gazzetta dello Sport, 06/10/2017.
  • Former NRL star Terry Campese primed for Italian job at RLWC — Television New Zealand, 06/10/2017.
  • Italia Rugby League: i convocati per il test match contro Malta — Rugby Meet, 06/10/2017.
  • Campese to play for Italy at Rugby League World Cup — MetroNews Canada, 06/10/2017.
  • Minichiello Honoured With Italy Captaincy — Hull FC,  06/10/2017.
  • Mondiale di Rugby League: in gruppo anche Bergamirco e Celerino — Rugby Mercato, 05/10/2017.
  • Italia League: ecco i 33 giocatori per il Mondiale — NPR, 05/10/2017.
  • James Tedesco headlines Italian RLWC squad — Sporting News05/10/2017, .
  • Rugby League, Coppa del Mondo: Mirco Bergamasco convocato con l’Italia —  OnRugby05/10/2017,.
  • Azzurri name squad for the World Cup —  RLWC, 05/10/2017
  • Rugby League World Cup 2017, profili azzurri – Mirco Bergamasco — MondoSportivo, 04/10/2017.  
  • James Tedesco’s license to Rome — The Sydney Morning Herald, 04/10/2017.
  • Rugby League: scelta la rosa della Francia per la Coppa del Mondo 2017 — NPR, 04/10/2017
  • NRL star set for Italian job in the Far North — The Cairns Post, 03/10/2017
  • Tedesco phones in commitment to Italy — RLWC, 03/10/2017.
  • Rugby League World Cup 2017 – I convocati della Francia — MondoSportivo, 03/10/2017
  • Jack Johns follows in his father’s footsteps and joing list of rugby league Internationals — Daily Telegraph, 03/10/2017
  • Goondiwindi talent off to Rugby League World Cup —The Chronicle, 03/10/2017
  • Storm campioni della NRL – Australia Sport, 02/10/2017.
  • ESCLUSIVA – Rugby League World Cup, Richard Lepori: “Da quel primo cap contro la Germania al sogno mondiale” — MondoSportivo, 02/10/2017
  • Rugby League World Cup – Le avversarie dell’Italia – Gli USA — MondoSportivo, 30/09/2017
  • Rugby: Saluzzo NWR, Lucas Bruzzone in lizza per il mondiale di Rugby League in Australia — Campioni.cn, 02/10/2017
  • Three Super League players in Italy train-on squad — Love Rugby League, 28/09/2017
  • Tedesco and Vaughan among NRL stars named in Italy squad — RLWC, 27/09/2017
  • Rocky man named in Italy’s train-on squad for World Cup — The Morning Bulletin27/09/2017
  • Italia Rugby League: i 54 convocati per preparare il MondialeMondiali di Rugby League al via a fine ottobre in Australia — Rugby Meet, 26/09/2017.
  • Italia League: scelti i 54 giocatori che si giocheranno un posto ai Mondiali — NPR, 25/09/2017
  • Rugby League: gli USA scelgono i 23 per la Coppa del Mondo — NPR, 24/09/2017.

Foto © Red Elephant / Cultural Pulse

 

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Prende forma l’Italia: annunciata al Consolato Generale di Sydney la squadra per la RLWC

Il Consolato Generale di Sydney ha ospitato l’annuncio della squadra dell’Italia per la Rugby League World Cup, in programma dal 26 ottobre al 2 dicembre in Australia, Nuova Zelanda e Papua Nuova Guinea. 

Davanti media sportivi,  l’Italia ha diramato una lista che va a scremare quella da 54 nomi presentata in settembre e verrà ridotta ai 24 definitivi entro il 13 ottobre, data entro la quale RLWC annuncerà i roster definitivi

Domenico Rossi, Sottosegretario di Stato del Ministero della Difesa del governo Gentiloni, ha dato l’annuncio ufficiale dei convocati, alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia in Australia Pier Francesco Zazo e del Console Generale Arturo Arcano.
Presente anche Andrew Hill, Rugby League World Cup 2017 CEO.

Capitano dell’Italia ai Mondiali sarà Mark Minichiello, stella degli Hull FC nel campionato inglese e già tra i protagonisti in maglia azzurra nel 2013.
Reduce da 2 stagioni di altissimo profilo con la maglia dei Black&Whites, il pilone è stato eletto nel Super League Dream Team 2016 e porta con sé tanta esperienza nei grandi tornei e nelle partite che contano: ha sollevato al cielo di Wembley le Challenge Cup 2016 e 2017. 

Embed from Getty Images

Indossa i gradi di vice-capitano della Nazionale James Tedesco, fullback di altissimo profilo in procinto di passare dai Wests Tigers ai blasonati Sydney Roosters e pronto – anche con questa esperienza con l’Italia – a seguire le orme del suo idolo d’infanzia Anthony Minichiello, storico estremo dei Roosters e titolare con la casacca azzurra n. 1 alla Coppa del Mondo 2013.
Fratello maggiore di Mark, Anthony è l’assistente allenatore del ct Cameron Ciraldo, insieme a Kelly Rolleston

paolocilli.com PH / Per gentile concessione Saluzzo NWR

Lista alla mano, diversi i giocatori di formazione italiana. Su tutti Mirco Bergamasco, che ha già vissuto tre Rugby World Cup da giocatore di rugby union e aggiunge talento ed esperienza sui grandi palcoscenici.
Insieme al giocatore dei Leoni Veneti, hanno resistito al ‘taglio’ Emanuele Passera (XIII del Ducato), Giuseppe Pagani (Lions Brescia), Jaume Giorgis e Gioele Celerino (Saluzzo NWR), Edoardo Pezzano (Spartans Catania).

Il siciliano Pezzano e il piemontese Celerino sono reduci da un periodo di lavoro e rugby league in Australia con la maglia dei Tully Tigers (North Queensland), insieme a Simone Boscolo dei Leoni Veneti. 

Si delineano i tratti di un’Italia completa e versatile: Richard Lepori (Oldham Roughyeds) è di ruolo estremo ma ha giocato all’ala (destra e sinistra) con club e nazionale; Mason Cerrutofresco vincitore della Intrust Super Premiership (ex NSW Cup) e dello State Championship Final in finale contro i PNG Hunters – ha ricoperto il ruolo di n. 1 durante la campagna di qualificazione iridata lo scorso autunno. 

Si è messo in luce in Inghilterra con Wigan Oliver Gildart, centro classe 1996.
Lo stesso si può dire di Shannon Wakeman (Huddersfield Giants) e certo non saranno gli avanti il problema di questa Nazionale: Paul Vaughan (St George Illawarra Dragons, 3 caps alla RLWC 2013) è stato performante tutto l’anno, così come Nathan Brown e Daniel Alvaro dei Parramatta Eells. 

Gavin Hiscox (CQ Capras) e Ryan Ghietti (Northern Pride) portano leadership, da capitani dei rispettivi club. 

«C’è grande orgoglio per questa seconda partecipazione a un Mondiale – commenta Orazio D’Arrò, presidente FIRL – l’intenzione è quella di ben figurare. Il girone di qualificazione non è di certo facile, ma questa squadra ha le qualità per giocare a viso aperto contro tutti».

Di seguito, la lista dei convocati, così come indicata da Comunicato Stampa FIRL e RLWC. 
L’Italia affronterà Malta in un test match domenica 8 ottobre al Marconi Stadium di Sydney, prima dell’amichevole pre-mondiale contro Tonga il 20 ottobre a Innisfail, Queensland. 

F.I.R.L. Rugby League World Cup 2017 – Squad

Daniel Alvaro – Parramatta Eels 
Mirco Bergamasco – Leoni Veneti
Nathan Brown – Parramatta Eels
Christopher Calegari – Palau XIII Broncos
Jake Campagnolo – Northern Pride
Terry Campese – Queanbeyan Blues
Justin Castellaro – Northern Pride
Gioele Celerino – Saluzzo NWR/Tully Tigers
Chris Centrone  – Wyong Roos 
Mason Cerruto –Penrith Panthers/St Marys
Ryan Ghietti – Northern Pride
Oliver Gildart – Wigan Warriors
Jaume Giorgis – Saluzzo NWR
Gavin Hiscox – Central Queensland Capras
Jack Johns – Newcastle Knights 
Richard Lepori – Oldham Roughyeds
Josh Mantellato – Wyong Roos
Mark Minichiello, capitano – Hull FC
Nathan Milone – Wests Tigers
Giuseppe Pagani – Lions Brescia 
Ricardo Parata – Burleigh Bears
Dean Parata – Blacktown Workers 
Emanuele Passera – XIII del Ducato
Edoardo Pezzano – Spartans Catania/Tully Tigers 
Keiran Quabba – Townsville Districts Blackhawks
Joel Riethmuller – Northern Pride
Brendan Santi –Sydney Roosters/Wyong Roos
James Tedesco, vice-capitano – Wests Tigers
Joel Tramontana –Canterbury-Bankstown Bulldogs
Paul Vaughan – St George Illawarra Dragons
Jayden Walker – Cronulla-Sutherland Sharks
Colin Wilkie – Northern Pride 
Shannon Wakeman – Huddersfield Giants


Malta vs Italy, Sunday 8 October, Marconi Stadium, Bossley Park
Kick Off 2.30pm (Sydney Time, 5:30 ora italiana)

Italy v Ireland, Sunday 29 October, Barlow Park, Cairns, 4:00PM AEST, Townsville Stadium, Townsville
Italy v USA, Sunday 5 November, Townsville Stadium, 7:40PM AEDT, Canberra Stadium, Canberra
Italy v Fiji, Friday 10 November, Canberra Stadium, 2:00PM AEST, Barlow Park, Cairns

Foto © Red Elephant / Cultural Pulse

Published 04/10/2017 by Matteo Portoghese – FIRL Social Media Officer


PREZZI E OFFERTE SUI NOSTRI KIT MONDIALI!

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Test Match Malta-Italia, ecco gli azzurri

Per la seconda volta nella loro storia, le nazionali di Malta e Italia si troveranno l’una di fronte all’altra in una partita di rugby league.
Teatro dell’incontro sarà il Marconi Stadium (Bossley Park, Sydney), in un incontro che è tappa importante dei programmi di entrambe le federazioni. 

Malta Rugby League punta forte su questa gara in vista dei futuri eventi internazionali, mentre l’Italia League è in fermento per l’imminente Rugby League World Cup in Australia, Nuova Zelanda e Papua Nuova Guinea (26 ottobre/2 dicembre). 
Nella sfida di 8 anni fa, affermazione italiana con punteggio di 34-10, sempre al Club Marconi.

© SportsCode

Match dunque da non sottovalutare e sanzionato ufficialmente come Test dalla Rugby League International Federation (RLIF). 

Nella lista degli azzurri per la gara di Bossley Park, 6 giocatori di formazione italiana.
Si tratta di Emanuele Passera (XIII del Ducato), Giuseppe Pagani (Lions Brescia), Simone Boscolo (Leoni Veneti/Tully), Gioele Celerino (Saluzzo North West Roosters/Tully), Jaume Giorgis e ovviamente Mirco Bergamasco (Leoni Veneti), 4 caps con l’Italia di rugby a 13 dopo gli 89 accumulati a livello internazionale nel rugby union. 

Boscolo e Celerino si sono recentemente messi in luce con la maglia dei Tully Tigers nel North Queensland; Giorgis ha preso parte al campionato Ligue PACA de Rugby à XIII, categoria (Provenza-Alpi- Costa Azzurra) della National D 2 francese con la maglia dei Saluzzo NWR, mentre Passera fa parte del XIII del Ducato, il club più titolato d’Italia. La presenza di Bergamasco, che punta a rappresentare il tricolore in entrambi i codici del rugby in Coppa del Mondo, aggiunge esperienza nei grandi eventi a una lista ricca di elementi di talento. 

Elenco alla mano, spicca la presenza di diversi atleti coinvolti nelle ultime gare di qualificazione mondiale, tour e test. 

«Questa partita – spiega Orazio D’Arrò, presidente FIRLè per tutti i giocatori coinvolti un’opportunità importante per mettersi in luce con l’obiettivo della Coppa del Mondo, oltre che per accumulare esperienza ad alto livello in vista delle sfide future»

Di seguito, la lista dei convocati a disposizione dello staff tecnico della Nazionale per la sfida ai maltesi.
Appuntamento per domenica 8 ottobre; calcio d’inizio previsto per le 14:30 ora locale, le 5:30 ora italiana. 

Christian Bate – Belrose Eagles
Emanuele Passera – XIII del Ducato
Ethan Natoli – Blacktown Workers
Mirco Bergamasco – Leoni Veneti
Jaume Giorgis – Saluzzo NWR
Jack Campagnolo – Northern Pride 
Todd Sapienza – Guildford Owls
Gioele Celerino – Saluzzo NWR/Tully Tigers
Ryan King – Cronulla-Sutherland Sharks
Jayden Walker – Cronulla-Sutherland Sharks
Alec Susino – Mounties
Giuseppe Pagani – Lions Brescia
Ryan Tramonte – Windsor Wolves
Keiran Quabba – Townsville Districts Blackhawks
Simone Boscolo – Leoni Veneti/Tully Tigers
Angelo Piccone – South Newcastle
Vic Mauro – FIRLA
Ricardo Parata – Burleigh Bears
Luke Vescio – FIRLA
Matt Parata – Souths Logan Magpies


Malta vs Italy, Sunday 8 October, Marconi Stadium, Bossley Park
Kick Off 2.30pm (Sydney Time, 5:30 ora italiana)

Italy v Ireland, Sunday 29 October, Barlow Park, Cairns, 4:00PM AEST, Townsville Stadium, Townsville
Italy v USA, Sunday 5 November, Townsville Stadium, 7:40PM AEDT, Canberra Stadium, Canberra
Italy v Fiji, Friday 10 November, Canberra Stadium, 2:00PM AEST, Barlow Park, Cairns

Foto © Red Elephant / Cultural Pulse

Published 04/10/2017 by Matteo Portoghese – FIRL Social Media Officer


PREZZI E OFFERTE SUI NOSTRI KIT MONDIALI!

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

La grande bellezza di un sogno azzurro

Con l’approssimarsi del calcio d’inizio della Rugby League World Cup 2017, manca sempre meno alla scelta dei giocatori che faranno parte in maniera ufficiale e definitiva della rosa dell’Italia ai mondiali

Una Nazionale, questa, figlia del lavoro degli ultimi anni e dell’amore per i colori azzurri di tante persone che hanno a cuore l’Italia e il rugby league. 
In corsa per un posto, campioni di fama come Daniel Alvaro (Parramatta Eels) e Paul Vaughan (St George Illawarra Dragons, pilone tra i migliori della NRL 2017). Ma anche elementi di sicura esperienza e leadership come Ryan Ghietti – capitano dei Northern Pride nella Instrust Super Cup, ex Queensland Cup – insieme al compagno di squadra Joel Riethmuller, così come Chris Centrone, in forma smagliante quest’anno coi Wyong Roos (Super Premiership, ex NSW Cup). 
Tanti nomi legati all’Italia da radici familiari solide e mantenute negli anni, magari (anche) grazie alla palla ovale

© Brian King / Per concessione KingsPix

«La maglia della nazionale Italia è qualcosa che sento mia, nel profondo – racconta Brenden Santi, n. 12 azzurro allo spareggio di Leigh contro la Russia, 3 caps da sostituto al Mondiale 2013Avere la possibilità di rappresentare non solo le mie origini ma soprattutto la mia famiglia è bellissimo. Voglio rendere tutti orgogliosi a casa».  
E gli fa eco Kieran Quabba dei Townsville Blackhawks: «Essere stato inserito nella training squad dell’Italia è qualcosa che ti carica e ti fa venire allo stesso tempo voglia di rimboccarti le maniche e continuare a darti da fare. In casa mia ci sono forti e solide radici italiane e avere l’opportunità di rappresentare il paese che mio nonno e mia nonna amavano così tanto e nel quale sono cresciuti è qualcosa di unico. Da un punto di vista sportivo poi – insiste il giocatore – la Coppa del Mondo è la competizione più importante in questo sport e parteciparvi sarebbe un’esperienza unica». 

Di nuovo, scorrendo la lista. Cambiano latitudine e longitudine ma non il sogno azzurro. 
Mirco Bergamasco è cresciuto giocando a rugby union, con regole e tradizioni diverse, e di questo sport è diventato un’icona in Italia. Un amore per la Nazionale, il suo, difficile anche solo da descrivere: «Rappresentare il tuo paese ti porta a un tipo di felicità impossibile da esprimere a parole. Tengo tantissimo – spiega l’ex Stade Français e Racing Métro, un’esperienza azzurra anche nel ru Seven – a questa maglia e dopo 3 Rugby World Cup, con tante stelle tra compagni e avversari, questa RLWC è una nuova interessantissima sfida». 

© SportsCode

Percorso diverso ma stesse emozioni per il giovane Giorgio Draghi: «Gioco a rugby league da 4 anni ormai, mi piace farlo con impegno e serietà. Non è sempre facile coi vari impegni e faccio un po’ i ‘salti mortali’ per partecipare a raduni, incontri e partite. Vedere il mio nome tra i 54 pre-convocati – confessa il pivot/mediano, molto versatile come posizione in campo – è stata un’emozione indescrivibile. Un premio per l’impegno che ci ho messo, un onore. Sperare poi non costa nulla e continuo a provarci, anche perché questa pre-convocazione mi stimola a proseguire con costanza e dedizione in questa disciplina. Già essere accostato ai tanti grandi giocatori inseriti in lista è un’enorme soddisfazione». 

Idem dicasi per Lucas Bruzzone, seconda linea/centro dei Saluzzo North West Roosters, formazione piemontese impegnata nei campionati francesi in inverno e in quello italiano in estate: «Un onore per me essere accostato a grandi nomi e campioni del nostro sport. Questa mia presenza in lista mi dà lo stimolo per allenarmi a fare ancora di più e meglio, assieme ai miei compagni». 

Foto © Marie Christine Garnero / Saluzzo NWR

La grande bellezza – parafrasando un film italiano di grande impatto mondiale – di una squadra che unisce, nella militanza di club, Wests Tigers e Saluzzo NWR, Leoni Veneti e Hull FCCronulla Sharks e Brianza Tigers.
E così via: nel contingente che gioca nelle leghe inglesi ecco gli avanti Mark Minichiello e Shannon Wakeman, oltre all’estremo Richard Lepori (Oldham Roughyeds). 

Ex Whitehaven, ‘Lippy’ può occupare diversi ruoli – Man of the Match a Belgrado con la Serbia, all’ala nello spareggio Italia-Russia a Leigh lo scorso novembre – ed è per metà sardo. Il papà Antonio lasciò la Sardegna a 20 anni per trasferirsi in Inghilterra, ma è forte il legame con l’isola e l’Italia tutta: «I miei parenti sono a Pirri (Cagliari) e vado a trovarli spesso. Sono stato a trovarli anche di recente. Tengo molto a nonna Rosa, a zii e cugini con cui sono in contatto e che frequento quando scendo in Sardegna».  

Poi, biografia alla mano, la dimostrazione che il mondo è piccolo, come si suole dire: nella biografia del fullback classe 1991 – 8 caps sinora con l’Italia RL – anche un’avventura nel Queensland con gli Atherton Roosters nella Cairns District Rugby League, lo stesso campionato in cui hanno giocato quest’anno Simone Boscolo, Edoardo Pezzano e Gioele Celerino (Tully Tigers). 

Se entourage e tifosi azzurri sono in fermento per le convocazioni definitive (qui la lista degli USA, avversari dell’Italia il 5 novembre a Townsville), sostenitori e appassionati della zona di Sydney inganneranno l’attesa dando la parola al campo: test match Malta-Italia domenica 8 ottobre al Marconi Stadium (Bossley Park).
Un avversario tosto (19° nel ranking RLIF) e una Coppa del Mondo che si avvicina. 

Foto Twitter @bbccumbriasport

Published 28/09/2017 by Matteo Portoghese – FIRL Social Media Officer 

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Test Match Malta-Italia, la formazione dei nostri avversari

Domenica 8 ottobre 2017 la Nazionale affronterà Malta al Club Marconi (Bossley Park, Sydney) in un test match pre-mondiale. 

La partita assegnerà ufficialmente caps internazionali e il suo esito conterà a livello di ranking RLIF

Foto FB @MALTARL

Malta Rugby League ha annunciato la formazione che scenderà in campo contro gli azzurri

Di seguito i 19 maltesi, così come comunicato dalla federazione.
Capitanerà la squadra Jake Attard, tallonatore in forza ai Blacktown Workers

1 – Joel Bradford
2 – Brodie Vassallo
3 – Cameron Mazzelli
4 – Kyle Cassel
5 – Nathan Falzon
6 – Aiden Glanville
7 – Luke Cauchi
8 – Dean Zammit
9 – Jake Attard (c)
10 – Cowen Epere
11 – Ben Stone
12 – Tyler Cassel
13 – Blake Phillips
14 – Aaron Grech
15 – Joshua Martin
16 – Kyal Greene
17 – Aaron Weston
18 – Adam Campbell
19 – Matthew Thompson

L’incontro verrà trasmesso in diretta streaming su Spot On Video Sports Recording
Qui i dettagli


PREZZI E OFFERTE SUI NOSTRI KIT MONDIALI


Malta vs Italy, Sunday 8 October, Marconi Stadium, Bossley Park
Kick Off 2.30pm (Sydney Time, 5:30 ora italiana)

Italy v Ireland, Sunday 29 October, Barlow Park, Cairns, 4:00PM AEST, Townsville Stadium, Townsville
Italy v USA, Sunday 5 November, Townsville Stadium, 7:40PM AEDT, Canberra Stadium, Canberra
Italy v Fiji, Friday 10 November, Canberra Stadium, 2:00PM AEST, Barlow Park, Cairns

Foto © Red Elephant / Cultural Pulse


Published 04/10/2017 by Matteo Portoghese – FIRL Social Media Officer

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Quando la formazione è tutto

È proprio vero che, come si diceva una volta, gli esami non finiscono mai

Lo sa la Rugby League European Federation, che ha organizzato e tenuto a Cataniacapitale del rugby a 13 del Sud Italia – il Corso Allenatori e Arbitri di 2° livello. Uno step importante, questo, per andare avanti e come individui e come gruppi di lavoro: saper andare oltre alle basi, alla conoscenza delle regole di questo sport e di come trasmetterle, saper gestire una partita, confrontandosi anche psicologicamente con gli altri ‘attanti’ in gioco, siano essi arbitri, allenatori e giocatori avversari. 

Foto © Antonella Principato / FIRL

Nel dettaglio, due le figure di riferimento, inviate dalla RLEF in Italia per gestire e sovraintendere le lezioni. Ha introdotto e guidato il lavoro dei tecnici l’inglese Martin Crick (General Manager of Coaches Education and Formation della RLEF), mentre il compatriota Danny Mc Neice, suo omologo a livello coi Match Officials, ha sovrainteso al lavoro del gruppo arbitrale. 

Fondamentale, prima dopo e durante le attività, la presenza e la guida dei nostri Tiziano Franchini (vice-presidente FIRL e ct dell’Italia League femminile) e Guido Bonatti (Rappresentante Arbitri nel Consiglio Federale). 

Tanti e di diversa provenienza i corsisti: Catania ha ospitato la voglia di formazione e aggiornamento di coach e arbitri provenienti delle federazioni e dai club di Italia (Salvo Pezzano, Tino Magrì), Spagna, Grecia e Svezia.
Un gruppo variegato, con l’Italia capofila della zona mediterranea; un modo di e per scambiarsi pareri, esperienze, dati e punti di vista. 

«Questo corso – racconta Franchini – fa parte del progetto della RLEF di alzare il livello di formazione sia della classe arbitrale che degli allenatori, in ogni singola nazione europea affiliata alla RLEF. Questo corso di Catania è parte di un sistema di sviluppo della formazione tecnica dell’organo europeo del rugby league, iniziato nel 2016 e che si concluderà nel 2018 con altre attività di approfondimento tecnico/formativo». 

Foto © Antonella Principato / FIRL

Tale progetto si chiama TEP e ha l’obiettivo, attraverso il sistema CATO, di alzare il livello della preparazione tecnica della classe degli allenatori e degli arbitri di tutto il Vecchio Continente. 
Ma cosa è il CATO? L’acronimo si forma dalle parole inglesi ConsolidateApplicationTeamObserve
L’urgenza è dunque consolidare le conoscenza acquisite nella formazione di primo livello, applicare concetti e metodologie, lavorare come e sulla squadra e ovviamente osservare

Il CATO si articola in 4 passaggi: 

  • 1/a parte: ottenimento della licenza di allenatore di primo livello
  • 2/a parte: adempimenti per affinare le proprie conoscenze.
  • 3/a parte: una volta completati gli impegni richiesti si procede con la formazione di secondo livello
  • 4/a parte: adempimenti per affinare le proprie conoscenze di allenatore di secondo livello.

«Una volta completato questo percorso – continua il tecnico dell’Italia League femminilel’allenatore viene inserito in un contesto d’élite europea con la facoltà di approfondire le proprie conoscenze con realtà professionistiche inglesi». 
Una formazione continua e non a compartimenti stagni: «Per migliorare le conoscenze degli allenatori e degli arbitri è necessario che la formazione sia continua. Ma non solo quella teorica ma anche quella pratica.  Per esempio, se un candidato ottiene la qualifica di allenatori di primo livello, ma non pratica e non viene seguito nel suo percorso di ‘facilitatore’ (tecnico che facilita cioè l’apprendimento della pratica del rugby league in tutti i suoi movimenti sia tecnici che tattici) da personale qualificato, questo soggetto rischierà di perdersi mancando un’occasione di crescita consona alle proprie capacità». 

Da parte di Franchini – azzurro sul campo da giocatore e ora n. 2 federale – arriva un netto no alla faciloneria, a chi si improvvisa.
La formazione è una cosa seria:  «Per alzare il livello del league domestico serve avere una classe tecnica – allenatori e arbitri – ‘preparata’ con una metodologia unitaria e con principi corretti e solidi; bisogna evitare l’improvvisazione, la scarsa preparazione, l’approssimazione, cose che possono solamente partorire una formazione errata e/o inconsistente. È necessario che il movimento cresca parallelamente con la crescita di coach e direttori di gara. Noi educatori lavoriamo per questo».

Foto © Antonella Principato / FIRL

La federazione europea ha concesso al rugby league tricolore il ruolo di capogruppo dell’area Sud Europa/Mediterraneo, avendo tecnici, arbitri e formatori FIRL partecipato già negli anni (dal 2009/2010) ai primi corsi di sviluppo tecnico RLEF e RFL (Inghilterra), avendo poi col tempo e sul campo  acquisito le capacità di formare anche altre nazioni e federazioni. 

È importante cementare le sinergie tra allenatori e arbitri e in queste giornate siciliane si è operato anche e soprattutto in questa direzione. Coach e direttori di gara hanno lavorato congiuntamente, analizzando assieme alcune fasi di gioco per migliorare la propria conoscenza e acquisire un punto di vista ‘altro’ rispetto ai tradizionali ruoli

«Allenare è un ruolo complesso – avverte Tizianoche non deve essere preso sottogamba, perché si lavora con e su un gruppo di persone. L’allenatore deve trasmettere e insegnare una disciplina sportiva e per ottenere le migliori performance dai propri giocatori deve essere altamente competente. Deve sapere quello che fa e non ‘arrangiarsi’. Deve mettersi in gioco. Come FIRL, vogliamo formare allenatori in grado di insegnare, allenare e diffondere il rugby league nella maniera più efficace ed appropriata possibile. Tutto ciò è indispensabile, se si vuole alzare le competenze dei giocatori e di conseguenza il livello dell’attività domestica». 

Foto © Antonella Principato / FIRL

Una squadra arbitrale cosmopolita quella accorsa al Campo Benito Paolone: Raj Shah (Svezia), Andrew Pilkington e Tony Palacios (Spagna), Jim Minadakis, George Stilianos e Aris Dardamanis (Grecia), assieme allo stesso Bonatti e diversi arbitri italiani di 1° livello. 

«Contesto e approccio interessantissimi – ricorda in n. 1 dei fischietti italiani – specie perché s’è insistito tanto sulla gestione delle situazioni. Per esempio su come arrivare alla partita e condurla nel miglior modo possibile. È un focus che inizia da presto, tutti i giorni della settimana: abbiamo ragionato su come ci si deve allenare se si arbitra nel weekend, come distribuire l’attività, destreggiarsi con lavoro e vita privata. Bisogna essere più preparati possibile e poi capire la situazione che si sta verificando in campo e come gestirla».  

Accento posto non tanto sulle regole del rugby league – già parte dei corsi arbitrali di 1° livello – ma sullo step successivo: il salto di qualità è «capire che rapporto c’è o ci può essere coi giocatori, interagire con gli allenatori per venirsi incontro e, magari, afferrare l’uno il punto di vista dell’arbitro. Scopo di chi dirige una partita – chiarisce ancora Guido – è  seguire la partita nei suoi sviluppi, essere pronti se c’è uno strappo, cambiare il modo di correre, ecc». 

Sia coach che direttori di gara si sono cimentati, dopo l’approccio teorico e pratico (slides, simulazione contesti di gioco, ecc.) coi formatori inglesi, in un lavoro d’équipe, ponendo poi sé stessi sul piano dell’insegnante/istruttore: ognuno dei corsisti ha preparato un argomento, illustrandolo ai colleghi. 
Un modus operandi ben lontano dalla vecchia didattica frontale e a senso unico, un approccio utile a consolidare quanto appreso negli anni e nei corsi precedenti. 

 

«Ruck, zona placcaggio e play the ball sono, dal mio punto di vista, le zone più delicate. Ma è proprio quipropone ancora Bonatti – che serve collaborino arbitri e tecnici. Vedere noi cosa si aspettano i coach in questo o quel caso, e viceversa. L’ottica è unica, lo scopo è mettere i giocatori nelle condizioni migliori per giocare a rugby league, non ‘fregare’ l’avversario o l’arbitro». 

Il TEP è un piano triennale, investimento da 723 mila €.
Finanziato per 466 mila € dall’Unione Europea attraverso il progetto Erasmus+ e da Rugby League International Federation (RLIF) e 5 federazioni per il rimanente, il progetto divide l’area europea in 6 gruppi ‘regionali’ puntando, sul breve e lungo periodo attraverso formazione e mentoring, a migliorare la qualità del rugby league dell’Emisfero Nord e a spingerne lo sviluppo. 

Sia alla base che a un livello più avanzato, i giorni di Catania hanno confermato che quando si opera con competenza e ci si affida a professionisti la direzione presa non può essere che quella della crescita.
E che non ci si improvvisa mai, nello sport come nel lavoro. 

Published 28/09/2017 by Matteo Portoghese – FIRL Social Media Officer 


Read in EnglishRugby league level 2 coaching and match official courses held in Sicily [by the RLEF MEDIA DEPARTMENT]


Prezzi e offerte sui nostri kit mondiali!

 

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus