I Saluzzo North West Roosters tra Nazionale, campionato e Coupe de France

Autore foto Foto Flavio Chiavassa.


A Saluzzo non conoscono confini: la squadra che rappresenta un piccolo comune di 17 mila abitanti si è ‘trasferita’ oltralpe per vivere a cavallo tra Italia e Francia il sogno del rugby league.

Dalla base solida di un club di un rugby union, che s’è innamorato così tanto del nostro ‘codice’ da trasformarsi e dedicarcisi in toto: i resoconti che ci giungono dal cuneese ci raccontano del progetto mini rugby league, con bimbi dai 4 ai 7 anni che si affacciano per la prima volta all’ovale e che hanno proprio col league il loro primo contatto: una delle speranze del movimento italiano, piccolo ma in espansione. D’altronde i bambini sono il futuro e da qui passa il progetto di club e FIRL: tesseramenti, scuole, attività coi più piccoli. 

Ma non finisce qui: il nome Saluzzo ha fatto…Il giro del mondo.

Per diverse vie: a giugno Manta – cittadina vicina, che ospita le partite e l’attività dei NWR e ne sostiene con convinzione gli sforzi – ha ospitato il Test Match Italia-Spagna, con parecchi Roosters in azzurro a livello under 21 e di test.

Alle vicende del XIII della Piuma si sta appassionando, a poco a poco, lo zoccolo duro dei fan di questo sport: su forum e siti inglesi, australiani e francesi si parla di Saluzzo e della sua avventura. E tramite l’Ufficio Media della federazione il sito Cultural Pulse, prodotto da Red Elephant, società di community engagement che si è occupata della promozione della Rugby League World Cup 2017, ha realizzato prima del Mondiale un servizio sulla squadra

Sono scesi in campo in Australia, in amichevoli e test match a seguito della Nazionale di coach Cameron Ciraldo, diversi giocatori visti lo scorso anno con la maglia dei Roosters. Dai piemontesi Jaume Giorgis e Gioele Celerino alla stella Mirco Bergamasco, nazionale Dual Code, 89 caps nell’Italia di rugby union prima del passaggio al XIII.  

E adesso il presente: il Saluzzo è iscritto al campionato francese Provence-Alpes-Côte d’Azur (PACA), divisione regionale della National Division 2. Per il secondo anno di fila, un successo dentro e fuori dal campo: una crescita a piccoli passi ma concreta, un miglioramento che vuole abbinare il piano tecnico con quello delle relazioni con tante società da decenni abituate a fare rugby à XIII

Nel 2016-2017 la soddisfazione della storica vittoria sul Saint-Martin XIII il 25 marzo (26-16); adesso, il prestigioso traguardo dei playoff: complice la vittoria a tavolino contro  l’Arles Moules (30-0), è arrivata la qualificazione alla postseason, che inizierà domenica 3 dicembre contro il Marseille Avenir XIII. Un altro passo avanti da registrare e ancora relazioni da coltivare e cementare, competenze da acquisire e trasmettere. 

Ma non finisce qui: il 16 dicembre arriva a Manta la Coupe de France, una delle più antiche competizioni nella storia del gioco, inaugurata nel 1934.  
Ce lo racconta Paolo Radosta

«Giocheremo contro Eintragues, squadra di Élite 2. Inutile dire che speravamo di essere più fortunati. Al contempo, giocare contro un club di Élite 2 è una grande occasione per il movimento intero»

 

Sviluppi, sforzi e passi che non possono e devono passare inosservati e che, accompagnati al costante aggiornamento e alla partecipazione al girone nord del Campionato Italiano, possono fare di Saluzzo e del Saluzzo la capitale del nostro rugby league: una piccola Wigan o una piccola Sydney ai piedi delle Alpi Cozie. Mica male. 


 


Published 07/11/2017 by Matteo Portoghese – FIRL Social Media Officer

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *