LA FIRL alle Scuole Medie

La FIRL, in collaborazione con gli Arieti Este XIII, sta portando avanti in questi mesi un progetto pilota per lo sviluppo del rugby league (a tredici giocatori) a livello di giovanile, per tutti i giovani delle scuole medie della Zona Atestina.
Questo progetto ha due obiettivi fondamentali: formare nuovi giocatori di rugby league e diffondere la cultura del rugby a tredici all’interno della zona di Este.
Con queste premesse, la F.I.R.L. in collaborazione con gli Arieti Este, ha iniziato nel mese di febbraio 2015 un progetto con undici scuole medie statali dei comuni del basso padovano (Fontanafredda, Vò Euganeo, Lozzo Atestino, Este, Carceri, Ponso, Ospedaletto Euganeo, Baone, Villa Estense, Sant’Elena e Sant’Urbano).
Il progetto è suddiviso in due fasi: la prima prevede un intervento da parte dei tecnici F.I.R.L. (Alberto Suin, Simone Boscolo, Federico Ongaro, e Tiziano Franchini) in orario scolastico, durante il quale tutti i componenti delle singole classi prenderanno conoscenza con le basi (core Skills) del rugby league e, in seguito, proveranno a giocarlo nella modalita del Tag-rugby league, all’interno della struttura scolastica stessa.
Questa prima fase che si è appena conclusa, ha visto il coinvolgimento di circa 1300 ragazzi dai 10 ai 13 anni.
La seconda fase di questo ambizioso progetto, invece, vedrà la formazione delle varie squadre scolastiche: in ogni istituto scolastico saranno create due squadre, una maschile e una femminile.
Le selezioni scolastiche si alleneranno in orario pomeridiano per imparare nel modo migliore i fondamentali del gioco del rugby league.
Il giorno 18 aprile 2014, poi, presso lo stadio Augusteo di Este si terrà la prima, storica, manifestazione scolastica di rugby league.
“Sono entusiasta di questa esperienza anche e, soprattutto, perché abbiamo avuto un riscontro davvero importante – commenta il vicepresidente della Firl e promotore di questa iniziativa, Tiziano Franchini – tutti gli istituti si sono resi disponibili a questa esperienza e i ragazzi si sono immedesimati nel ruolo di “giocatori di rugby a XIII”, un aspetto molto importante”.
Per la Federazione Italiana Rugby League, raggiungere e passare il messaggio del rugby a XIII (tag-rugby league) a circa 1250-1350 ragazzini, di età compresa tra i 10-13 anni, è un risultato incredibile, soprattutto perché si è notata una notevole predisposizione del ragazzi al gioco proposto e qualche individualità interessante.
Ovviamente questo progetto pilota, non avrà la sua fine con l’anno scolastico 2014-2015, ma sarà ripetuto anche negli anni futuri nel tentativo di dare una continuità al tutto.

FacebooktwitterFacebooktwitter

Start a Conversation