ITALIA A VALANGA SULLA GERMANIA – GERMANIA 30 — ITALIA 66 – Karlsruhe

Con l’ottima prestazione dell’estemo italiano,  James Saltonstall, (nominato Man of the Match), dei Warrington Wolfes, l’Italia può ancora vincere la  European Shield 2012-2013 , vista la recente vittoria di sabato 27 luglio 2013, per  66-30 sulla compagnine Tedesca, detentrice del titolo.

Al caldo record di Karlsrue (36 gradi), gli azzurri, con questa vittoria sulla Germania per 66 a 30 (12 mete italiane), aggiungono 2 punti in classifica e si portano a meno due dalla Russia, ma se i Russi battono i tedeschi il 10 agosto 2013, i Russi matematicamente vinceranno l’European Shield, e condanneranno i tedeschi alla retrocessione in European Bowl.

Se la Germania, invece,  vincesse, darebbe all’Italia la possibilità, in caso di vittoria il 14 settembre 2013 a Este, contro la Serbia, di portarsi a casa il torneo denominato European Shield.

Gli Italiani organizzati e incisivi, dominano l’area del play the ball,  con il proprio numero 6 Matthew Bradley dei Gloucestershire All Golds, il quale finirà il match con 16 punti all’attivo, con Miranda degli Hemel Stags, e Lepori degli Oldham (3 mete a fine gara), ed impongono il proprio gioco, creando molti problemi alla difesa tedesca.

Kelly Rolleston, Coach del quattro volte campione italiano XIII del Ducato, dichiara:” il nostro obiettivo è quello di chiudere l’European Shield 2013 con 3 vittorie, e con questa vittoria stiamo perseguendo ciò che ci siamo prefissati”; sempre Rolleston continua:” sono molto contento della prestazione dei 6 debuttanti; Saltonstall è un giocatore di gran classe e ha dato la tranquillità necessaria a tutta la squadra giocando da dietro, poi Bradley ha gestito la partita molto bene. Questo risultato è il frutto del grande lavoro che stiamo effettuando a livello domestico, il livello del rugby league italiano sta crescendo in fretta e molto bene, basti vedere la prestazione odierna dei nostri ragazzi”.

I Tedeschi  del XIII, dopo 4 calci di punizione a favore, segnano al quarto minuto del primo tempo, inaspettatamente, con il loro tallonatore Andy Hoggins dell’Oxford Rugby League,  dopo questo inizio non previsto gli Italiani iniziano a macinare gioco e segnare mete, chiudendo il primo tempo sul 38-8;  onore a Ivan Barani, il quale segna la miglior meta del primo tempo.

Anche se il caldo si è fatto sentire, la Germania lotta fino alla fine e coach Dan Stocks, può solamente ringraziare i propri ragazzi dell’ecomiabile prestazione dei suoi fino alla fine, e dichiara che: “ sono orgoglioso dei miei ragazzi e della loro prestazione”, sempre coach Stock, continua elogiando:” i miei ragazzi hanno giocato con il cuore e nella ripresa hanno giocato alla pari contro questa forte Italia. La mancanza di esperienza a questo livello ci ha penalizzato, come qualche giocata “naive” che i miei si sono inventati all’inizio della partita”.

Da mettere in risalto le 2 mete dell’ala tedesca Mawuli Améfia.

GERMANIA: 1 Christoph Huber, 2 Del Bartlett,3 Yassin Ayachi, 4 Daniel Lortz, 5 Mawuli Améfia, 6 Kristian Keinhorst, 7 Liam Doughton, 8 Ben Behr-Heyder, 9 Andy Hoggins, 10 Sebastian Roczyn, 11 Jonas Burkhardt, 12 Vincent Spiess, 13 Benedikt Rehm; 14 Fabrice Fehlemann, 15 Jonathan Zerweck, 16 Abraham Gresham, 17 Max Werner  

 

Mete: Hoggins (4), Fehlemann (23), Keinhorst (42), Lortz (62), Améfia (72,79)

Trasformazioni: Keinhorst 3/6

 

ITALIA: 1 James Saltenstall, 2 Fabrizio Ciaurro, 3 Romain Pavoni, 4 El Mehdi Idammou, 5 Richard Lepori, 6 Matthew Bradley, 7 Chris De Meyer, 8 Carlo Prizzo, 9 Joel Miranda, 10 Drake Muyodi, 11 Giovanni Franchi, 12 Gioele Celerino, 13 M Verardi; 14 Simone Boscolo, 15 Gert Peens, 16 Andrea Sola, 17 Ivan Barani.

 

Mete: Franchi (8, 36), Miranda (12), Celerino (18), Lepori (20, 39, 66), Barani (28), Pavoni (45), Bradley (51), Saltonstall (69), Ciaurro (75)

Trasformazioni: Peens 3/3, Bradley 6/9

 

Primo Tempo: 8-38

Penalties: 8-5

Arbitro: Craig Kay (England)

A man of the match performance from Warrington’s young full back James Saltonstall saw Italy retain faint hopes of winning the 2012-3 European Shield, with a 66-30 win over holders Germany in 36 degree heat in Karlsruhe.

The Azzurri moved to within two points of Russia in the table with the 12-try performance but if the Russians beat Germany at home on 10th August, they will be crowned champions and Germany relegated to the European Bowl.

Should the Germans pull off a shock win, then the Italians could still claim the crown if they defeat Serbia at home in October, which would possibly see the Serbs demoted.

The sharp and well organised Italians dominated the play the ball area with Gloucestershire All Golds stand off Matthew Bradley – who finished with 16 points – profiting from some quality ball from Hemel’s Joel Miranda which saw him spread it wide to great effect; Oldham winger Richard Lepori finishing with three tries.

“Our aim was to come up with three wins in the competition in the reverse fixtures this year and we are on target,” said Italy assistant and North West Roosters coach Kelly Rollaston.

“I’m pleased with how the newcomers fitted in; James Saltonstall was calm and class at the back and Matt Bradley ran the game. It was a great effort which showed how the domestic game in Italy is progressing.”

The Germans, on the back of four early penalties, took a shock lead who Oxford hooker Andy Hoggins burrowed over but from there the Italians dominated the first half, establishing a 38-8 advantage; their best try claimed by Ivan Barani following mesmerising handling from a scrum play.

As the heat took its toll, the Germans made a commendable fight of the second period which pleased their coach Dan Stocks.

“I was proud of the guys and I couldn’t fault their determination,” he said.

“They showed a lot of heart and were Italy’s equal after the break. It comes down to a lack of experience at this level and some naivety in conceding the early tries.”

Exciting winger Mawuli Améfia claimed two of the German touchdowns late on.

 

GERMANY: 1 Christoph Huber, 2 Del Bartlett,3 Yassin Ayachi, 4 Daniel Lortz, 5 Mawuli Améfia, 6 Kristian Keinhorst, 7 Liam Doughton, 8 Ben Behr-Heyder, 9 Andy Hoggins, 10 Sebastian Roczyn, 11 Jonas Burkhardt, 12 Vincent Spiess, 13 Benedikt Rehm; 14 Fabrice Fehlemann, 15 Jonathan Zerweck, 16 Abraham Gresham, 17 Max Werner  

 

Tries: Hoggins (4), Fehlemann (23), Keinhorst (42), Lortz (62), Améfia (72,79)

Goals: Keinhorst 3/6

 

 

ITALY: 1 James Saltenstall, 2 Fabrizio Ciaurro, 3 Romain Pavoni, 4 El Mehdi Idammou, 5 Richard Lepori, 6 Matthew Bradley, 7 Chris De Meyer, 8 Carlo Prizzo, 9 Joel Miranda, 10 Drake Muyodi, 11 Giovanni Franchi, 12 Gioele Celerino, 13 M Verardi; 14 Simone Boscolo, 15 Gert Peens, 16 Andrea Sola, 17 Ivan Barani.

 

Tries: Franchi (8, 36), Miranda (12), Celerino (18), Lepori (20, 39, 66), Barani (28), Pavoni (45), Bradley (51), Saltonstall (69), Ciaurro (75)

Goals: Peens 3/3, Bradley 6/9

 

Half time: 8-38

Penalties: 8-5

Referee: Craig Kay (England)

FacebooktwitterFacebooktwitter

Start a Conversation