DICHIARAZIONE DELLA RLEF SUL RUGBY LEAGUE ITALIANO

Direttamente dall’ufficio stampa della Rugby league European Federation:

“A seguito delle recenti dichiarazioni sui social media, in materia di rugby league in Italia,la RLEFriconferma la sua posizione che la FIRL (Federazione Italiana Rugby League) è l’unico organo ufficiale e riconosciuto per la gestione del rugby league italiano. La FIRL, ha recentemente aperto un dialogo con il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI), tra cui si annovera, un incontro con il suo segretario generale Roberto Fabbricini, e la RLEF respinge le affermazione che il CONI stia riconoscendo o ha riconosciuto un’altra Federazione italiana, come organo preposto allo sviluppo del rugby league in Italia.

La RLEF ha lavorato, a stretto contatto con la FIRL, negli ultimi 18 mesi sui protocolli di amministrazione e gestione federale. Durante questo periodo, la RLEF attraverso il lavoro dei rappresentanti dell’Irlanda Rugby League ha monitorato e controllato la FIRL; questa supervisione fa parte di un programma, finanziato dall’UE., sul miglioramento della gestione e della buona amministrazione delle Fedeazioni Europee di rugby league.

La RLEF, crede e ritiene, che la gestione della FIRL, in questo ambito soddisfa gli elevati standard richiesti per una Federazione trasparente e democratica.

La FIRL ha lanciato un appello a tutti i club di rugby league italiani interessati alla promozione del campionato di rugby league, di unirsi alla FIRL, al fine di avviare delle consultazionisul nuovo statuto, che si basa sulle normative CONI. Questo appello può essere accolto, con la consapevolezza che i loro diritti saranno tutelati dalla nuova Statuto della FIRL; i club e i loro pareri saranno ben accolti.

Danny Kazandjian, Direttore Generale della RLEF, ha commentato: “Mi dispiace dover vedere che ci sono persone in Italia che lavorano attivamente contro i nostri affiliati, la FIRL.  Abbiamo lavorato a fianco del Presidente della FIRL e del suo Consiglio Direttivo, per assicurare che l’organizzazione soddisfi gli standard richiesti dalla RLIF,la RLEFe, soprattutto, dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano. Posso confermare che il progresso fatto in Italia dalla FIRL è concreto e solido,  visto, anche,  il numero sempre più ampio di addetti ai lavori coinvolti.. Siamo in costante contatto con la FIRL e stiamo osservando e monitorando le loro azioni di gestione e di amministazione, al fine di assicurarci che il lavoro venga svolto al meglio.”

“Non abbiamo alcuna conferma delle affermazioni fatte da altre “parti” d’Italia, ma abbiamo prove che i fatti esposti  sono esagerati e distorti. Francamente, invito tutti quelli che hanno a cuore il rugby league in Italia di unirsi e far parte della FIRL: saranno protetti e supportati della costituzione FIRL e della RLEF “.”

http://www.rlef.eu.com/news/article/588/rlef-statement-on-italian-rugby

 

Directly from the Rugby League European Federation Press Office:

“Following recent statements on social media concerning rugby league in Italy, the RLEF reconfirms its position that FIRL (Federazione Italiana Rugby League) is the sole legal and recognised National Governing Body of Italian rugby league. FIRL has recently opened a dialogue with the Italian Olympic Committee (CONI), including a meeting with its Secretary General Roberto Fabbricini and the RLEF rejects any claim that CONI recognises any other body as the legal Italian national governing body of rugby league.

The RLEF has worked closely with FIRL over the past 18-months on governance protocols. This process has included monitoring by representatives of Rugby League Ireland as part of an EU-funded governance improvement programme. The RLEF believes and is satisfied that FIRL’s practice in this area meets the high standards required of a pluralistic and transparent sports governing body.

FIRL has appealed to all Italian rugby league clubs with an interest in promoting rugby league to enter into consultation over the new constitution, which is based on CONI regulations, and  join FIRL. They can do this in the knowledge that their rights are protected by the new constitution. They and their views will be welcome.

Danny Kazandjian, General Manager of the RLEF, commented: “It is disappointing that there are people in Italy actively working against our member, FIRL. We have worked alongside the President of FIRL and his Board to ensure that the organisation meets the standards required by the RLIF, RLEF and most importantly the Italian Olympic Committee. I can confirm the solid progress that is being made in Italy through the dedicated and widening pool of volunteers. We are in very regular dialogue with FIRL and continue to scrutinise their governance processes to ensure best practice.

“We have no confirmation of the claims made by other parties in Italy; however we have evidence where information has been exaggerated and distorted. Simply, everyone who values the best interests of rugby league in Italy should be a part of FIRL; they have protection from the FIRL constitution and of the RLEF.”

http://www.rlef.eu.com/news/article/588/rlef-statement-on-italian-rugby

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *