Intervista a 5 Azzurri

FIRL is ready to play the upcoming matches. FIRL has interviewed some of the player of the team regarding the international fixtures.
Marco Ferrazzano (from UK); Christophe Caligari (from France); Rocky Trimarchi (from Wales); Dean Vicelich (from Australia); Ludovico Torreggiani (from Italy)

Tell us about your connection to Italy? tell us about your heritage?
MF: My connection to Italy comes through my dads side of the family, both grandparents were Italian so it has and always will have a massive influence on my life.
CC: In France, I played in my club with Paul Franze, a former NRL player who also had ever played for Italian national team; he told me that would be a good opportunity for me if I can’t play for France. My father is born in Italy, he moved in France when he was 10 when my grandfather came in France for find some work. I’ve also members of my family who still live there.
RT: My father is Italian. My grandmother was from the area Calabria , I was born in Australia but have a have strong Italian community and family in Australia
DV: My Nonna and Nonno were both born in Italy but left at a very early age. I cherish my Italian heritage so much i am becoming an Italian citizen very soon. In October I will be meet with my parents on holidays in Italy and meet my Italian relatives that live in Treviso.
LT: I was born in Vicenza and I still live there.

Tell us about your rugby league history and performances?
MF: My rugby league career started at 15 playing for my local team Keighley cougar cubs, and being selected for Bradford schools resulting in Yorkshire trials in my debut season,aged 17 I was signed by local pro club Keighley cougars till the age off 22 playing 2 full seasons in Nl2 now o-operative league 2, in 2008 I was selected to Represent Italy to play in euro shield against Germany and Chez Republic, scoring a hatrick of  try against Germany and 4 trys including a genuine 10 min  hatrick and MoM award against the chez republic. 2009 I played against Chez republic and Germany respectively scoring 2 try and MoM award against the Chez Republic, after qualifying late into the European Cup I was selected as Italy’s Captain against Scotland, Lebanon and Serbia in the elimination playoff which Italy were Victorious.
CC: I started to play league when I was 15, after playing 3 years union. After 3years, I start to play in first grade team, played and lost my first grand final of French Championship with Saint Gaudens in 2003, the next season in 2004, we played and won the grand final against UTC (before they become the Dragons). After this, I played for 2 years to the Catalans, who is the reserve grade of the Dragons. 3 years more in the club of Pia where I played with Paul Franze and 2 grand final both lost since 2007. I’ve also played many times for France national team, U16 U18 U20 U23 nd University.
RT: I am currently playing for Crusaders in the European Super League. Previously I was  playing for the Wests Tigers in the NRL.Position of choice is at lock and I can also play in the second-row or centre positions.I made his NRL debut on 16 April 2006, scoring a try in his ninth minute on the field against the Cronulla Sharks. I played for 4 seasons with the Tigers, before being released at the end of the 2009 season. Then with Crusaders for my first season playing in England for 2010. Since been with Crusaders the team has made top 8 for 2010, smashing last year’s efforts of just 3 wins the whole season.
DV: I started playing rugby league at a very early age of 4 years old. I have been playing ever since and have played for the canterbury bulldogs and st george illawarra dragons.Although i have not played first grade i have had many achievements in premier league grand finals and man of the match performances playing for Italy in international matches.
LT: I’m 20 and I play rugby from 6 years, always in the Vicenza rugby. I participated to the Serenissima selections and I have played five matches with the Italian rugby league national team. I’ve been man of the match and played European Cup 2009 with “Azzurri”.

How do you feel to be selected for the rugby league team of your country? and what does it mean for you to wear the azzurri’s shirt?
MF: To play rugby league for Italy for me is the ultimate achievement and a dream Come True, I always said growing up if Italy ever reform With a ugby league club then I will play for Italy, finally in 2008 this was achieved. To pull on the Azzurri’s shirt fills me with a great sense of pride and passion, I have not to date or ever felt better than the moment I first pulled on the famous colors of the Azzurri, and doubt I ever will. To captain a team as I did in the 2009 euro Cup  with such a great team of individuals with so much pride and passion as the Italians have is unbelievable. It truly is the Best feeling in the world.
CC: I feel very excited to play with this team, that’s a real luck to play for a national team, and that means something special when you know that’s the country of your origin, my grandparent’s and dad’s country. I feel very proud the FIRL trust me for this new challenge and I want to give my best and play my best rugby.
RT: I am very excited and proud to be selected to play,  I get to represent Italy on an international scale wearing an Azzurri’s shirt- Doesn’t get any better than that.
DV: No words can describe the passion and pride i have to wear the Azzurri jersey. As soon as i flew into the Italian camp i knew that all my experience and hard training had led to the best achievement a player could have, playing international football.
LT: It’s a honor because every match played against high level player, increase my quality of player and of person. It’s an honor represent my ountry; the best thing is when the national anthem starts from the speakers: the adrenaline, the proud and the honor explode in me.

What do you think about FIRL future?
MF: F.I.R.L have done an unbelievable job over the past 5-6 years they reformed after such a big break in the game to build a team of individuals that are competitive in all competitions this was shown through the results in the 2008-2009 euro shield. Building on the success off 2008 when we had 200 fans watching the Germany game to having over 2000 fans agains Scotland shows how F.I.R.L are committed to developing rugby league and attracting fans to rugby league from predominant rugby union culture!!!
CC: I think there is a good opportunity to develop rugby league in Italy. That’s an emergent nation of rugby league and she needs support from European Federation and media. Also, the national team is the engine of the sport, so I think if the national team can make good result in his matches, the interest will growing up and that will help the FIRL in this development. FIRL has his words to say in the future internationals events.
RT: I think we are up and growing.
DV: I believe there is a big future for the FIRL. We have such a strong culture that develops quality players from around the world. With the combination of these players we can build to form a strong competitive team to contest the world cup. With great management and sponsors the FIRL is capable of being in the 4 Nations in future years.
LT: I hope FIRL will develop so much, increasing the amount of team’s in the Italian Championship and continuing to trust in the young players. I hink FIRL will have his big place in the International Rugby League World.

The Italy road for the world cup has been started next year there will be the WCQ, what do you think about Italy will be into the world cup? What FIRL has to do to reach that goal?
MF: Italy in the upcoming 2013 world cup to me would be an amazing achievement, and I have no doubt with the right players selected there is no reason we won’t make the world cup finals!! If Italy did make the world cup it will be a major leap for rugby league in Italy it will show the nation what rugby league is all about and help the development of the game grow, as it has grown rapidly over the past 5-6 years that F.I.R.L. have been involved. I would finally like to thank F.I.R.L for all the effort that has been put in over the years and for allowing me to be apart and continue to be a part of Italy’s rugby league history.
CC: That’s a great thing to watch emergent nation like Italy in the most important international event. To exist on the international scene of sports, rugby league need country like Italy that brings something new which can create a new interest for our rugby. To reach that goal, FIRL has to multiply the international exchange and proves she’s got the players to play this sort of events, and at the same time she has to develop his own championship to build a competitive team with Italian players of their own championship.
RT: We will have to work hard to assure our place in the world cup but I’m positive if we work hard we will get there, we have a good team and good  coaches; if we push our self we can do it.
DV: The thought of Italy being including in the WCQ next year is amazing. FIRL has come a long way in such a short amount of time. We, the Italian team, must bond strongly and progress to playing with each other with confidence knowing that we have the side to take it to the world’s best. It all starts with the upcoming games verses Lebanon and Wales. From these games we can only develop and improve our training and performances.
LT: It should be for sure a big achievement where continuing the develop of FIRL. For reach that objective we need, for sure, the experience of the  international high level player for help the Italian level to grown up.La FIRL è pronta per giocare gli imminenti match iternazionali in programma, abbiamo intervistato alcuni dei giocatori della Nazionale a riguardo degli eventi prossimi.
Marco Ferrazzano (Regno Unito); Christophe Caligari (Francia); Rocky Trimarchi (Galles); Dean Vicelich (Australia); Ludovico Torreggiani (Italia)


Parlaci della tua connessione con l’italia? Parlaci delle tue origini?
MF:
La mia connessione con l’Italia deriva da mio padre, entrambi i miei nonni erano italiani così ho sempre avuto e sempre avrò una grande influenza di questa nazione nella mia vita.
CC: In Francia, ho giocato con Paul Franze, un ex giocatore di NRL che non ha mai giocato nella nazioale italiana; mi ha detto che sarebbe stata una buona occasione per me se non posso giocare per la Francia. Mio padre nacque in Italia, si mosse in Francia all’età di 10 anni quando mio nonno venì in Francia per cercare lavoro. Ho inoltre alcuni membri della famiglia che sono ancora in Italia.
RT: Mio padre è Italiano. Mia nonna veniva dalla Calabria, io sono nato in Australia ma ho sempre vissuto con la famiglia e con la comunità Italiana.
DV: Mia nonna e mio nonno erano entrambi Italiani ma se ne andarono dall’Italia quando erano molto giovani. Sento particolarmente viva nel mio cuore la mia discendenza Italiana tanto che presto diventerò cittadino di questa magnifica nazione.In Ottobre incontrerò I miei genitori in vacanza in Italia e con loro ci riuniremo con il resto dei parenti che vivono a Treviso.
LT: Sono nato a Vicenza e vivo tuttora là.

Parlaci della tua storia nel Rugby League e delle tue performances?
MF:
Ho iniziato a giocare a 15 anni per il mio club locale Keighley cougar cubs, e poi sono stato selezionato per l’accademia dei bradford nello Yorkshire, ho debuttato con la selezione dello Yorkshire a 17 anni. Poi sono stato sotto contratto con il club pro dei keighley couguars per 2 anni in NL2 nel 2008 e 2009 sono stato selezionato con la nazionale italiana per giocare la Euroshield contro la Repubblica Ceca e Germania, riportando in 2 occasioni il prestigioso riconoscimento del man of the match. Ancora nel 2009 ho preso parte sempre con l’italia all’European Cup 2009 e nell’occasione promosso a capitano.
CC: Ho iniziato a giocare a rugby league a 15 anni dopo tre anni di Union. Dopo altri tre anni iniziai a giocare in un team in first grade, giocato e perso la mia prima gran finale del campionato francese con I Saint Gaudens nel 2003, la stagione successive nel 2004 abbiamo giocato e vinto la gran finale contro gli UTC (che divennero successivamente i Dragons). In seguito , ho giocato 2 anni con I Catalans, che sono le riserve dei Dragons. In più, altri 3 anni dal 2007, con il club Pia Donkeys dove ho giocato con Paul Franze due gran finali, entrambe perse.Inoltre ho giocato molte volte per la Nazionale Francese U16 U18 U20 U23 e Universitaria.
RT: Sto attulamente giocando per i Crusaders nell’ European Super League. Precedentemente giocavo con i West’s Tigers in NRL. Preferisco giocare lock (numero 8 in union) ma posso anche giocare seconda linea o centro. Ho debuttato in NRL il 16 aprile 2006, segnando una meta al 90° minuto nel campo dei Cronulla Sharks. Ho giocato quattro stagioni con i Tigers, prima di venire rilasciato alla fine della stagione 2009. Nel 2010 ho iniziato la mia avventura in Inghilterra con I Crusaders. La squadra si è qualificata tra le migliori 8 dell’anno 2010, frantumando tutti gli sforzi fatti la scorsa stagione dove ha vinto solo 3 partine nell’intera stagione.
DV: Ho iniziato a giocare a rugby league alla giovane età di 4 anni. Da allora ho sempre giocato per i canterbury bulldogs e per i st.George illawarra dragons. Anche se non ho giocato in first  grade ho collezionato molti successi nelle gran finali di premier league e molti “miglior giocatore” giocando con l’IItalia nei match internazionali.
LT: Ho vent’anni pratico rugby da sei anni, sono cresciuto nelle giovanili del Vicenza e attualmente gioco nella prima squadra del Vicenza. Ho partecipato alle selezioni della Serenissima e ho  disputato cinque partite con la Nazionale Italiana di Rugby League.

Cosa provi ad essere stato selezionato per la Nazionale Italiana di Rugby League? E cosa significa per te indossare la maglietta degli Azzurri?
MF: Giocare a rugby league per la Nazionale Italiana, per me, è l’avverarsi di un sogno. Mi son sempre promesso crescendo, che se in Italia ci sarebbe stata la Nazionale di Rugby League, io ci avrei giocato; e finalmente nel 2008 è successo. Indossare la maglietta degli “Azurri” mi riempie di orgoglio e passione. Non ricordo momento più bello della prima volta che ho indossato i famosi colori dell’Italia e credo non ce ne sarà un’altro simile. Capitanare un Team come quello dell’European Cup 2009, pieno di grandi giocatori con così tanta passione e orgoglio è incredibile. E’ certamente la miglior sensazione del mondo.
CC: Mi sento molto eccitato all’idea di giocare con questo team, sento di essere fortunato a giocare per la Nazionale e inoltre sento qualcosa di speciale sapendo che è la mia nazione di origine, la nazione di mio padre e dei miei nonni. Sono molto orgoglioso che la FIRL creda in me per questa nuova sfida e voglio darle il mio meglio e giocare il mio miglior rugby.
RT: Sono molto eccitato e orgoglioso di essere selezionato per la Nazionale Italiana. Rappresenterò l’Italia a livello internazionale indossando la maglietta azzurra – Non esiste cosa migliore.
DV: Non ci sono parole per descrivere la passion e l’orgoglio che provo a indossare la maglietta degli “Azzurri”. Non appena sono sceso in campo ho capito che tutti i miei sforzi, la mia esperienza e il duro lavoro, hanno portato al miglior risultato che un giocatore possa ottenere, giocare con la propria nazionale.
LT: E’ un onore perchè ad ogni selezione e ogni partita mi trovo a competere con giocatori di alto livello e questo accresce la mia qualità di giocatore.E’ un piacere rappresentare la propria nazione; Per me il momento più bello è durante l’inno italiano, nel quale sale la maggior adrenalina prima della partita.

Cosa pensi del future della F.I.R.L.?
MF: La F.I.R.L ha fatto un lavoro incredibile negli ultimo 5-6 anni, ricostruendo dopo un enorme intervallo di tempo, una squadra competitive in tutte le competizioni internazionali: questo è dimostrato dalle 2 vittorie consecutive dell’European Shield 2008 e 2009. Avere 200 persone che guardano il match contro la Germania nel 2008 e invece 2000 nel 2009 contro la Scozia, significa che la FIRL sta lavorando molto per attrarre fans e sviluppare il movimento del Rugby League in un paese predominato dalla cultura del Rugby Union.
CC: Penso ci siano buone opportunità di sviluppare il Rugby League in Italia. E’ una Nazione emergente nel mondo del Rugby League e ha bisogno di supporto dalla Federazioone Europea e dai media. Inoltre credo la Nazionale Italiana sia il motore di questo sport; credo quindi che ottenendo buoni risultati con la Nazionale, l’interesse per questo sport aumenti, aiutando quindi la FIRL nel suo sviluppo. La FIRL sicuramente dirà la sua nel futuro degli eventi internazionali.
RT: Lo credo che stiamo crescendo e che continueremo a svilupparci nel migliore dei modi.
DV: Credo ci sia un grande futuro per la FIRL. Abbiamo moltissimi giocatori italiani sparsi per il mondo con una grande cultura di rugby league. Inserendo questa cultura in Italia potremmo aiutarea crescere e sviluppare il livello e la cultura all’interno della nostra Nazione così da creare un team competitivo per le sfide della Coppa del Mondo. Con una buona gestione e con il supporto degli sponsor la FIRL potrebbe prendere parte al 4 Nazioni.
LT: Spero che possa crescere ancora molto, aumentando il numero di squadre partecipanti al campionato e continuando a investire su giovani giocatori italiani.La FIRL potrà sicuramente crescere.

La road to the world cup è iniziata e il prossimo anno ci saranno le qualificazioni per la coppa del mondo, cosa pensi dell’Italia inserita nella coppa del mondo? Cosa la FIRL deve fare per raggiungere questo obiettivo?
MF: L’italia nella prossima coppa del mondo 2013 vorrebbe dire aver archiviato una cosa eccezionale, e non ho dubbi che l’italia con i giocatori giusti potrà riuscirci senza problemi. Se l’italia arriverà alla coppa del mondo sara un grossissimo passo avanti per il rugby league italiano, si dimostrerà a tutta la nazione cosa è realmente il rugby league e successivamente si trarrà un grosso beneficio per o sviluppo del rugby league in italia, come è successo negli ultimi 5 6 anni attraverso il lavoro della FIRL. Vorrei infine ringraziare la FIRL per tutti gli sforzi sinora fatti in questi ultimi anni per acconsentirmi di giocare con la nazionale, e di continuare a credere in me, sono orgoglioso di creare la storia del rugby league in italia con la FIRL.
CC: E’ strepitoso di vedere una nazione emergente come l’italia coinvolta in una manifestazione così importante a livello internazionale. Per esistere nella scena internazionale degli sport, il rugby league ha bisogno di nazioni come l’italia, in quanto l’italia porta qualcosa di nuovo che può creare nuovo interenesse nel nostro tipo di rugby. Per raggiungere questi obiettivi la FIRL deve moltiplicare le partite internazionali e confrontarsi in più fronti, l’italia ha i giocatori per giocare ogni tipo di competizione, ed allo stesso tempo deve sviluppare il proprio campionato interno per far crescere i giocatori italiani.
RR: Dobbiamo lavorare duro per assicurarci un posto nella coppa del mondo però sono molto positivo se lavoriamo duro ce la faremo. abbiamo una buona squadra e buoni allenatori, se ce la mettiamo tutta ce la faremo.
DV: Il pensiero dell’italia inserita nelle qualificazione della coppa del mondo del prossimo anno è fantastico. FIRL è arrivata a questo risultato in così poco tempo. Noi, la nazionale italiana, dobbiamo creare un gruppo solido e progredire giocando insieme, creare la confidenza necessaria e sapere che credendoci possiamo raggiungere gli scopi prefissati, i quali saranno magnifici. tutto questo incomincerà con i prossimi eventi, le  partite contro Libano e Galles. per queste partite dobbiamo solo svilippare e migliorare le nostre performance sia in allenamento che in partita.
LT: Sarebbe senza dubbio un grandissimo traguardo dal quale poter continuare la crescita della FIRL.Per raggiungere tale obiettivo c’è bisogno di sicuro dell’esperienza degli oriundi per aiutare ad adeguare il livello italiano a nazioni con ben piu antica esperienza in questo sport.

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *